Juventus, un difensore ai saluti: una big di Serie A esercita il riscatto

La Juventus è destinata a perdere un giovane difensore, attualmente in prestito all’Atalanta che sta pensando di riscattare il suo cartellino.

Juventus Romero Atalanta
Juventus Romero Atalanta

Durante la scorsa estate è passata sottotraccia un’operazione di mercato della Juventus che presto potrebbe nascondere grossi rimpianti. I bianconeri infatti, nonostante le scelte contate in difesa, hanno voluto fare a meno di Cristian Romero, ceduto in prestito biennale all‘Atalanta. Un’affare che, alla luce della mostruosa prestazione con il Milan, sta aumentando i dubbi sulla bontà di questa decisione. Il classe 2000, mai sceso in campo con la Vecchia Signora, si è trasferito a Bergamo per 2 milioni di euro più l’eventuale cifra del riscatto che ormai sembra soltanto una formalità.

Sono bastati pochi mesi per convincere la Dea a valutare concretamente il suo acquisto a titolo definitivo, dopo aver offerto un altissimo rendimento non solo in campionato. La Juventus non potrà opporre resistenza e, se l’Atalanta sborserà i restanti i 16 milioni di euro entro il 30 giugno 2022, il cartellino di Romero diventerà totalmente di proprietà nerazzurra. C’è il rischio di una beffa per i bianconeri che per il futuro hanno deciso di puntare forte su De Ligt e Demiral, sottovalutando le potenzialità del centrale argentino.

Ti potrebbe anche interessare – Juventus, sfuma un obiettivo per l’attacco: il cambio allenatore è decisivo

Juventus, l’Atalanta vuole tenersi Romero: le cifre dell’operazione

Romero Juventus Atalanta
Cristian Romero (Getty Images)

Il passaggio di Romero all’Atalanta non sta giocando a favore della Juventus. I bianconeri l’hanno mandato in prestito per farlo crescere ma adesso potrebbero perderlo del tutto. Allo stato attuale delle cose ci sta guadagnando la Dea che ha la possibilità di concludere l’operazione a un prezzo inferiore rispetto al reale valore del giocatore. Con le cifre che girano sul mercato, un’affare totale da 20 milioni (compresi due di bonus in caso di qualificazione alla prossima Champions League) sarebbe considerato un colpaccio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *