Klopp batte Mou e il Liverpool ritorna alla vittoria dopo un mese

Klopp ritorna alla vittoria dopo che nelle ultime 5 di campionato avevano raccolto solo 3 punti. Batte gli Spurs per 3 a 1 grazie ai gol di Firmino, Alexander-Arnold e Mane.

Klopp
Klopp contro Mourinho (Getty Images)

Ritorna finalmente alla vittoria il tecnico tedesco che, dopo aver conquistato solo 3 punti negli ultimi 5 match, riesce a mettersi la crisi alle spalle. Un periodo nero, fatto di critiche e di troppi musi lunghi per una squadra irriconoscibile, terminato con una grande vittoria in casa del Tottenham. Certo, forse è ancora presto per dire che il Liverpool è guarito ed è tornato forte come prima. Resta il fatto che ci voleva coraggio per vincere in casa del Tottenham ma così è stato. Un convincente 3 a 1 che consente ai Reds di conquistare il quarto posto in classifica, accorciando a 4 punti il distacco dalla capolista Manchester City (che ha comunque una partita in meno).

Leggi anche: Klopp ciclo finito al Liverpool, la provocazione: prendete Allegri o Simeone

Klopp scaccia la crisi

Klopp
Klopp e Mourinho (Getty Images)

Dopo un inizio di primo tempo alquanto equilibrato, il Liverpool riesce a passare in vantaggio con Firmino su assist di Manè, ponendo fine ad un digiuno di 487 minuti. A Josè Mourinho non basta il duo Ndombele e Højbjerg per frenare le folate offensive della squadra di Klopp. Entrambe le squadre, complice anche di varie assenze, provano a giocare con il baricentro alto, affidandosi la velocità dei loro attaccanti. La scarsa mira di Mané ed il var per Son, non consentono ad entrambe di segnare altri gol. Il cinismo e la volontà di andare in rete del senegalese vengono premiati al 65’ con un gol che consente al Liverpool di ipotecare una vittoria importante.

Dunque, mai come questa volta, la velocità degli esterni d’attacco e le verticalizzazioni repentine dei centrocampisti consentono a Klopp di porre fine ad una crisi senza precedenti. A Mourinho non resta che archiviare quanto prima questa inopinata prestazione e cercare una soluzione in attacco visto l’infortunio di Keane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *