Leo Messi querela Bartomeu, tensione sul caso contratto: i sospettati

Lionel Messi ha deciso di avviare azioni legali contro i responsabili della fuga di notizie riguardo al suo contratto: c’è anche l’ex presidente Bartomeu e atri quattro ex dirigenti azulgrana. 

Messi Bartomeu Contratto
Messi Bartomeu Contratto

Le cifre faraoniche e i dettagli del contratto diffusi pubblicamente di Lionel Messi hanno fatto il giro del mondo, indignando molti tifosi del Barcellona. Dopo alcuni giorni dalla clamorosa prima pagina di “El Mundo”, il fuoriclasse argentino ha deciso di denunciare i cinque sospettati di questa fuga di notizie.

Tra i presunti responsabili ci sarebbe anche l’ex presidente Josep Maria Bartomeu, già attaccato dalla Pulce la scorsa estate durante il braccio di ferro sulla sua cessione e per il caso di spionaggio eni suoi confornti avviato dall’ex presidente dei catalani. Gli altri quattro sospettati sarebbero Carles Tusquets (attuale presidente del Comitato Direttivo), Jordi Mestre (ex vicepresidente), Òscar Grau (CEO del club) e Romà Gómez Ponti (capo dei servizi legali).

Ti potrebbe anche interessare – Caos Messi, il Barcellona annuncia azioni legali contro El Mundo

Barcellona, Messi si scaglia contro Bartomeu e altri membri della società

Messi Barcellona Bartomeu
Lionel Messi (Getty Images)

Come rivelato dal quotidiano “SPORT”, e confermato da fonti argentine, il contratto di Leo Messi era assolutamente riservato e accessibile soltanto a queste cinque persone. La stella del Barcellona non ha dubbi che a rivelare informazioni riservate possa essere stato uno di loro. Avrebbero dunque passato le informazioni a “El Mundo” per consentire la pubblicazione e metterlo in cattiva luce. Un “tradimento” che rappresenterebbe un reato penale e per questo oggetto ad una eventuale discussione in tribunale.

Il Barcellona, attraverso un comunicato ufficiale, aveva immediatamente preso le difese del club e dell’attaccante, smentendo possibili fughe di notizie al suo interno. Una tesi che non ha assolutamente convinto Messi, furioso per la violazione della sua privacy e pronto a procedere per vie legali contro i presunti sospettati. La Pulce torna così a scontrarsi con il suo club, probabilmente ancora per poco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *