Cessione Inter, Bc Partners ultimo tentativo fallito. Suning tratta altrove

Bc Partners ci ha provato fino ala fine ma senza successo. L’ultima proposta a Suning ieri sera, nessun cenno e fine delle trattative. La proprietà cinese dei nerazzurri tratta con altri fondi. 

Inter Suning Bc Partners
Inter Suning Bc Partners

L’Inter è in vendita ma difficilmente passerà nelle mani di Bc Partners. Ieri sera è arrivata l’ultima offerta ufficiale del fondo inglese che non molla la presa e continua a crederci. Secondo “Repubblica” però sono minime le possibilità che il loro assegno possa essere accettato da Suning, nonostante si aspetti ancora una risposta formale.

Il silenzio della proprietà nerazzurra non è sicuramente un buon segnale come la notizia di una trattativa ormai sospesa del tutto, uscita fuori nei giorni scorsi. Dopo circa un mese di contatti e molteplici valutazioni, la proprietà cinese non è d’accordo sulla valutazione del club nerazzurro.

Dopo aver investito oltre 600 milioni di euro, Suning non vuole assolutamente registrare minusvalenze e pretende una proposta complessiva di un miliardo. L’ultimo rilancio di Bc Partners è arrivato a 750 milioni (compresi i 400 milioni di debiti) e al momento ancora non basta: C’è anche molta distanza tra le parti e anche l’ultimo tentativo si è rivelato inutile.

LEGGI ANCHE >> Inter, assalto a Barella dalla Spagna: pressing di un top club spagnolo

Inter, Suning respinge Bc Partners: non bastano 750 milioni di euro

Suning Inter Bc Partners
Zhang Jindong (Getty Images)

E’ un momento di transizione per l’Inter che aspetta di conoscere il suo futuro proprietario. In queste settimane Suning sta portando avanti i dialoghi per la cessione del club, ma non ancora trovato l’acquirente giusto. Molto probabilmente non sarà Bc Partners, il cui periodo di esclusiva è terminato senza raggiungere un accordo.

Ora il colosso cinese sposterà il mirino altrove e inizierà le negoziazioni con altri fondi, in particolare con gli svedesi di EQT dietro i quali c’è una delle più potenti famiglie a livello mondiale, i Wallenberg, ma non sono gli unici interessati ad investire nel calcio. All’Inter sono interessati anche gli americani di Ares Management Corporation e Arctos Sports Partner. La situazione è in stallo. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *