Real Madrid, Zidane furioso: “Pretendo più rispetto per il mio lavoro”

Alla vigilia di Huesca-Real Madrid, Zidane ha esternato tutta la sua rabbia in conferenza stampa. Il tecnico francese ha risposto alle continue critiche sulla stagione dei Blancos, parlando anche del suo futuro

Zidane
Zidane Real Madrid furioso

E’ una stagione complicata per il Real Madrid. In campionato i Blancos sono distanti ben 10 punti dai rivali dell’Atletico Madrid, che guidano la classifica con una partita in meno disputata. In Champions League si attende la delicata gara degli ottavi di finale contro l’Atalanta, in programma il prossimo 24 febbraio.

Alla vigilia del match della Liga contro l’Huesca, ha parlato il CT Zinedine Zidane, presentando la gara dei suoi. Il francese non ha potuto non manifestare tutta la sua rabbia per i rumors degli ultimi giorni, che lo vedono prossimo all’esonero. I risultati altalenanti, infatti, spingono diversi nomi come possibili successori, tra cui quello di Massimilano Allegri.

Leggi anche – Cristiano Ronaldo compie 36 anni: il dato che lo fa rimpiangere al Real

Real Madrid, Zidane contro i giornalisti

Real Madrid Zidane conferenza
Real Madrid Zidane conferenza

Il futuro di Zinedine Zidane sulla panchina del Real Madrid è sempre più in bilico e molto dipenderà dai prossimi risultati. Quest’oggi in conferenza stampa il tecnico ha voluto sottolineare la sua frustrazione per la situazione che si è creata intorno alla sua figura.

Queste le sue parole: “Un giorno dite che sono bravo, l’altro che devo essere esonerato. Se la volontà della gente è che io me ne vada, allora lo farò. Ma sia io che tutta la squadra è concentrata sugli obiettivi da raggiungere con questa maglia. Dobbiamo cambiare marcia in campionato, ma noi siamo sempre quelli che hanno vinto la Liga lo scorso anno, non 10 anni fa”.

Poi attacca: “Se volete che io me ne vada dovete dirmelo in faccia, non alle spalle. Non mi piace che dopo una brutta partita mi venga chiesto se sono fuori. Non merito di essere trattato così, pretendo più rispetto per il mio lavoro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *