Inter, Suning tranquillizza la Covisoc: impegni saranno onorati fino a giugno

Inter più tranquilla grazie alle precisazioni che Suning ha dato ha dato all’organismo che monitora la solidità finanziaria dei club, in merito al rinvio del pagamento degli stipendi ai giocatori. 

Inter
Jindong Zhang e Steven Zhang (Getty Images)

L’Inter continua barcamenarsi su due strade differenti. Da un lato c’è il campo, dove gli uomini di Conte stanno provando di tutto pur di vincere lo scudetto. Dall’altro, c’è una società che prova a dare un futuro a questo club cercando nuovi investitori. Una situazione economica e società che desta preoccupazioni, tanto da suscitare l’interesse della Covisoc. Infatti, la commissione di vigilanza che monitora la solidità finanziaria dei club professionistici ha chiesto lumi a Suning circa il rinvio dei pagamenti degli stipendi ai calciatori. Un tasto dolente non solo per la società nerazzurra, che fa capire chiaramente in che situazione versa il calcio italiano a causa della crisi economica scaturita con l’avvento della pandemia.

Leggi anche: Inter, Hakimi-Real Madrid: nuove rivelazioni: i dettagli

Inter, Suning rassicura la Covisoc

Inter
Steven Zhang e Giuseppe Marotta (Getty Images )

Nonostante il gruppo Suning abbia rassicurato la Covisoc in merito agli impegni finanziari presi, a tener banco ancora è il discorso relativo alla cessione di quote dell’Inter. Che siano cedute quelle di maggioranza o di minoranza, secondo quanto riporta ‘Repubblica’, sarà fondamentale stringere i tempi visto che ci sono 195 milioni di euro da pagare entro giugno tra stipendi e rate per l’acquisto dei cartellini. Urge quindi reperire fondi necessari per garantire un futuro all’Inter. Nei prossimi giorni, la BC Partners dovrebbe presentare una nuova offerta, leggermente più alta rispetto ai 750 milioni offerti in precedenza. Resta pertanto una differenza tra domanda e offerta notevole, che il gruppo Suning spera di colmare con le offerte di altri gruppi interessati. Tra questi, ci sarebbero gli svedesi di Eqt, gli americani di Ares e di Fortress e quello di Mubadala di Abu Dhabi. Al momento, sembrerebbe esser più defilato il fondo Bain, che di solito lavora su investimenti ad alto rendimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *