Juventus, Pirlo si sbilancia: la formazione anti-Inter in Coppa Italia

Andrea Pirlo ha presentato la sfida contro l’Inter in Coppa Italia: le parole del tecnico bianconero che svela anche qualche indizio di formazione.

Pirlo Juventus Inter
Pirlo Juventus Inter

La Juventus ha la grande opportunità di raggiungere la finale di Coppa Italia. Domani a sera all’Allianz Stadium basterà non perdere, o farlo 1-0, contro l’Inter che è uscito sconfitto nel primo atto di San Siro. I bianconeri partono ovviamente favoriti, ma non devono pensare di essere già qualificati. Mancano ancora 90 minuti da giocare e può ancora succedere di tutto come spiega Andrea Pirlo alla viglia del match.

Il tecnico bianconero ha presentato la sfida e svelato qualche indizio di formazione al canale ufficiale della società: “Non dobbiamo già sentirci in finale, servirà molta attenzione in una partita sicuramente molto dura. Per raggiungere l’obiettivo servirà la squadra vista nelle ultime settimane, ma penso che siamo preparati per affrontarla nel migliore dei modi. L’Inter è una squadra molto organizzata che ha recuperato giocatori fondamentali come Hakimi e Lukaku”.

LEGGI ANCHE >>> Juventus-Inter, Conte: “Serve la partita perfetta, abbiamo un altro dovere”

Juventus, Pirlo: “L’obiettivo è vicino, ma servirà massima attenzione”

Pirlo Juventus Coppa Italia
Pirlo Juventus Coppa Italia

Nonostante la posta in palio sia alta, Pirlo farà alcune rotazioni e confermerà alcune scelte di settimana scorsa: “In porta tornerà Buffon e anche Kulusevski giocherà titolare. In generale il gruppo sta bene e, a parte qualche acciacco, non abbiamo particolare problemi. C’è molta positività perché abbiamo imparato dalle sconfitte e ora siamo più coscienti delle nostre qualità”.

Il calendario compresso e gli impegni ravvicinati non aiutano ma la Juventus non è apparsa stanca: “Ci sentiamo bene, è normale ci sia un po’ di stanchezza fisica e mentale ma l’avevamo già messo in conto a inizio stagione. E’ proprio in questi momenti che dobbiamo compattarci e cercare di dare il meglio. E’ anche questo il segreto per non prendere gol e migliorare nella fase difensiva, dove serve l’aiuto di tutta la squadra”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *