Cagliari-Atalanta, Di Francesco: “Pagato un episodio, Rugani-De Roon non è rigore”

Cagliari-Atalanta, Muriel determinante nell’arco dei 90 minuti. Nel finale è proprio l’ex Fiorentina e Lecce a regalare la vittoria alla Dea. Di Francesco esce sconfitto dalla Sardegna Arena, ma il suo Cagliari non ha sfigurato contro i nerazzurri.

Cagliari-Atalanta, Di Francesco (Getty Images)
Cagliari-Atalanta, Di Francesco (Getty Images)

Cagliari-Atalanta, la differenza la fa una giocata di Muriel al 90esimo. I sardi, comunque, sono stati in grado di tenere testa alla Dea per tutta la gara. Anzi, avrebbero anche potuto pareggiare ma l’arbitro prima gli assegna un rigore e poi ritratta dopo aver visto il contatto con l’on field review. Episodio non punibile con il penality secondo il direttore di gara. Di Francesco incassa la sconfitta e guarda avanti con rammarico.

Che gara è stata?

“Bisogna ammettere che la partita l’abbiamo fatta. La prestazione non è mancata, certamente contro squadre del genere paghi gli episodi. Siamo stati sfortunati nel finale, ma ciò non toglie che sul campo ce l’abbiamo messa tutta. Peccato perché non è bastato”.

Leggi anche – Serie A, highlights Cagliari-Atalanta: gol e sintesi partita | VIDEO

Cagliari-Atalanta, Di Francesco: “Peccato per il gol preso, squadra in crescita”

Cagliari-Atalanta, Di Francesco incassa una sconfitta interna (Getty Images)
Cagliari-Atalanta, Di Francesco incassa una sconfitta interna (Getty Images)

Vede segnali di miglioramento?

“Il Cagliari è una squadra che si sta costruendo e non dobbiamo lasciarci abbattere. L’importante è essere resilienti e portare a casa quanto di buono abbiamo espresso per ripartire insieme con il piglio giusto: siamo ancora in grado di fare la differenza, basta un po’ di impegno senza lasciarsi condizionare da episodi”.

Che ne pensa del contatto Rugani-De Roon: era rigore?

“Per quanto riguarda il contatto Rugani-De Roon non l’ho rivisto. In molti mi hanno detto che non c’era, ma mi interessa in maniera relativa. Dobbiamo essere bravi a rimanere concentrati fino alla fine senza perdere la lucidità, altrimenti succedono cose come il gol di Muriel. Rivedendo l’episodio con voi (Sky n.d.r.), ammetto che non è rigore.

Il ritiro, quindi, è servito?

“Non sono un grande fautore dei ritiri, ma in questo caso devo dire che ci ha fatto bene. Stiamo imparando a conoscerci ed essere più uniti. Dobbiamo avere tutti lo stesso obiettivo e la stessa voglia di lottare per questa maglia. La stagione è ancora lunga e ci aspettano altri impegni importanti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *