Premier League, Willian vittima di razzismo: coinvolto un italiano – FOTO

Willian si è sfogato duramente sui social, postando una serie insulti razzisti ricevuti anche da un ragazzo italiano: è soltanto l’ultimo dei giocatori colpiti da questa vergognosa tendenza.

Willian Razzismo Premier League
Willian Razzismo Premier League

In Premier League si allarga la schiera di giocatori vittima di insulti razzisti sui social. L’ultimo in ordine di tempo, tra quelli che si sono pubblicamente esposti, è Willian che ha alzato la voce dal suo profilo Instagram. Senza troppi giri di parole, l’esterno dell’Arsenal ha condiviso una serie di screenshot, presi da messaggi discriminatori ricevuti privatamente. Si leggono espressioni di ogni tipo e l’ex Chelsea viene ripetutamente chiamato “scimmia” da questi individui. Un episodio vergognoso che sta diventando sempre più comune in Inghilterra.

Ti potrebbe anche interessare —> Ibrahimovic, insulti razzisti in Stella Rossa-Milan: arrivano le scuse

Arsenal, Willian alza la voce: “Qualcosa deve cambiare!”

Willian Razzismo
Willian Arsenal (Getty Images)

L’attacco razzista subito da Willian è solo uno dei tanti che hanno colpito i giocatori di colore di Premier League nelle ultime settimane. Come lui sono stati vittima di questi abusi anche il compagno di squadra Nketiah, Martial, Tuanzebe, Rashford, James, Rudiger e tanti altri. In questo caso il giocatore dell’Arsenal, all’indomani della partita di Europa League col Benfica, ha denunciato il fattaccio e si è sfogato duramente scrivendo: “Qualcosa deve cambiare! La lotta al razzismo continua!”.

Tra l’altro, nelle due Instagram Stories incriminate, è coinvolto molto probabilmente anche un ragazzo italiano come suggerito dal nome utente in alto. La polizia postale dovrebbe prendere provvedimenti legali verso questi responsabili che sicuramente, come successo per i casi precedenti, si vedranno chiudere immediatamente il proprio account, in attesa di punizioni più severe.

Razzismo Social
Razzismo Social
Insulti Razzisti
Insulti Razzisti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *