Prandelli dimissioni a sorpresa dalla Fiorentina: il motivo

Cesare Prandelli ha annunciato a sorpresa le dimissioni dalla Fiorentina. I dettagli sulla vicenda e il comunicato ufficiale del club. 

Prandelli dimissioni
Prandelli dimissioni

Cesare Prandelli ha annunciato le dimissioni dalla Fiorentina. Un fulmine a ciel sereno per la squadra, in ripresa nelle ultime settimane. Eccessivo stress e alcuni problemi di salute ancora non chiari avrebbero spinto il tecnico a prendere una decisione così sorprendente.

La Fiorentina, dopo 10 anni, aveva richiamato Cesare Prandelli lo scorso novembre, con il tecnico lombardo che si era riseduto in panchina nella sfida casalinga persa con il Benevento. Dopo appena 4 mesi, 23 partite e 9 vittorie, l’ex commissario tecnico della nazionale ha deciso di lasciare il club.

Leggi anche -> Fiorentina, recovery plan per il Franchi: l’annuncio e le reazioni sui social

Prandelli, dimissioni ufficiali dalla Fiorentina

Prandelli dimissioni Fiorentina
Prandelli dimissioni Fiorentina

Al termine dell’ultima gara di campionato persa con il Milan, Cesare Prandelli non si è presentato davanti ai giornalisti in conferenza stampa, proprio per motivi di salute. Gabriele Pin, il suo vice, non ha fornito maggiori informazioni al termine del big match di domenica scorsa, rendendo ancor più impronosticabile un improvviso cambio in panchina. Nella giornata di ieri ha scelto di isolarsi e passare del tempo con la sua famiglia, troppa la pressione.

Pochi minuti fa, la Fiorentina ha annunciato tramite un comunicato ufficiale la scelta del mister “Che va al di là del calcio giocato – sottolinea la nota – Cesare ha dato tutto in questi mesi dimostrando il profondo legame con questi colori. Gli auguriamo di trovare presto serenità ed energie necessarie per ottenere le migliori fortune per il suo futuro“.

 

Prandelli si è dimesso: la Fiorentina torna su Iachini

Il presidente Rocco Commisso, intanto, guarda subito al futuro. Secondo quanto riferito da Sky Sport, il sostituto di Prandelli sarà Giuseppe Iachini, esonerato proprio a novembre. Per il 56enne di Ascoli furono fatali la brutta sconfitta all’Olimpico con la Roma e lo scialbo pareggio per 0-0 con il Parma.

Toccherà nuovamente a lui fare da traghettatore per il finale di stagione della Fiorentina, che punta a salvarsi. I Viola sono quattordicesimi con 29 punti, 7 in più rispetto al Cagliari terz’ultimo. Per Vlahovic e compagni sarà fondamentale lo scontro diretto con il Genoa, in programma dopo la sosta, che potrebbe allontanare definitivamente la squadra dalla zona retrocessione.