Atalanta, De Roon esce allo scoperto: la confessione spiazza i tifosi

Atalanta De Roon, il centrocampista olandese si racconta ai microfoni della pagina social “Cronache di Spogliatoio”: le parole del mediano.

Atalanta De Roon e le ipotesi sul futuro (Getty Images)
Atalanta De Roon e le ipotesi sul futuro (Getty Images)

La Dea baciata dal talento. Riduttivo parlare di fortuna nei confronti dell’Atalanta dopo qualche anno ai massimi livelli sia in campionato che in Champions League: il merito è di allenatore e giocatori che danno il meglio di sé dentro e fuori dal campo. La testimonianza definitiva sono le parole di Marten De Roon, centrocampista olandese in forza ai nerazzurri, che si è raccontato ai microfoni della pagina social “Cronache di Spogliatoio”. Il mediano è tornato a parlare anche della diatriba con Ibrahimovic ai tempi della partita contro il Milan.

“Tornando alla diatriba con Ibrahimovic, non è questione di essere milanisti o tifosi di altre squadre. Succederebbe lo stesso con un napoletano o un tifoso del Manchester United. Non so cosa succederà quando ci rivedremo: probabilmente mi darà uno schiaffo, me lo prenderei volentieri”.

Leggi anche – Atalanta, Zapata apre all’addio: scelta la destinazione per il futuro

Atalanta De Roon, il centrocampista rivela: “Addio? Mai dire mai”

De Roon Atalanta, il mediano si racconta (Getty Images)
De Roon Atalanta, il mediano si racconta (Getty Images)

Poi la conversazione si sposta sull’Atalanta, il futuro e le ambizioni del club: “Qui sto bene. Stiamo facendo delle grandi stagioni, possiamo ambire a grandi traguardi. Gruppo solido, puntiamo a realizzare qualcosa. Dal canto mio qui sto bene, gioco in Nazionale e milito in una delle prime squadre italiane. Grande salto di qualità, è logico che se ti chiama Inter o Juventus ci pensi, ma io sto bene qui. Anche con la mia famiglia. Spero di chiudere la carriera a Bergamo: nel calcio non si può mai sapere ma la sensazione è questa, ha concluso il calciatore.

I bergamaschi si godono il proprio talento in attesa di rivederlo in campo con l’Atalanta. Una scelta di campo e di vita la sua, ora aspetta Ibra per la resa dei conti, ma alla fine quello che succede nel rettangolo verde si esaurisce al fischio finale. Almeno questo ha lasciato intendere il ragazzo che pensa soltanto alla Dea, la fortuna è dalla sua parte. Così come le capacità.