Cristiano Ronaldo accusato di stupro: la richiesta della Mayorga

Kathryn Mayorga, la modella che ha accusato Cristiano Ronaldo di stupro, chiede 56 milioni di sterline. La cifra comprende danni morali del passato e del futuro, oltre alle spese legali

Cristiano Ronaldo stupro
Cristiano Ronaldo stupro (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

Emerge una richiesta shock per un episodio avvenuto ben dodici anni fa. I protagonisti rispondono ai nomi di Cristiano RonaldoKathryn Mayorga, rispettivamente un calciatore in ascesa e una fotomodella che si stava facendo spazio nel suo mondo. Era il 2009 quando i due si conobbero durante una serata a Las Vegas con un risvolto che tutti possono immaginare.

Ma qualche giorno dopo uscì la notizia: CR7 avrebbe stuprato la modella. Da qui una serie di accuse e di attacchi da parte della Mayorga, che era pronta a portare in tribunale l’allora giocatore del Manchester United. Finchè non si giunse a un accordo stipulato l’anno successivo, con un risarcimento che non superò il mezzo milione di dollari.

Tuttavia, dodici anni dopo le cose sono cambiate in maniera radicale.

Leggi anche >>> Cristiano Ronaldo provoca su Instagram: il post infiamma i tifosi – FOTO

Cristiano Ronaldo accusato di stupro, la richiesta shock

Cristiano Ronaldo

Stando a quanto riporta il tabloid inglese The Sun, infatti, la Mayorga avrebbe richiesto un risarcimento da ben 56 milioni di sterline. La cifra è stata giustificata con diversi richiami molto dettagliati. 54 milioni sarebbero equamente suddivisi tra danni morali del passato, eventuali sofferenze future e danni fisici causati dallo stupro, con 18 milioni per ciascuna voce.

Ulteriori due milioni e mezzo di sterline sono previsti per ripagare le spese, sia legali che di altra natura. Dunque Cristiano Ronaldo finisce nuovamente sotto attacco, quando la vicenda sembrava essersi risolta diversi anni fa.

Anche perchè nel frattempo è emerso che una corte ha rigettato l’iniziale risarcimento ottenuto dalla Mayorga. Il motivo è presto detto: la modella è stata considerata incapace di intendere e volere al momento della stipula dell’accordo.