Cittadella-Monza, Brocchi sotto accusa: tifosi scatenati sui social

Brocchi Cittadella Monza se la ricorderà a vita e non solo per la sonora sconfitta, quando per le aspre critiche ricevure dalla tifoseria.

Brocchi Cittadella Monza
Brocchi Cittadella Monza

Giungere al terzo posto e partecipare ai play-off dopo esser tornati in Serie B a distanza di molti anni, è per molti un risultato soddisfacente. Se poi si va in Serie A o meno, poco cambia perché un tassello importante nella costruzione del futuro è stato messo. Quando ci si chiama Monza, il discorso cambia. Se poi si hanno due esperti di calcio come Berlusconi e Galliani alla guida del club, il risultato negativo diventa ancora più difficile da accettare.

Con due grandi dirigenti come loro, è inconcepibile soprattutto per quanto è stato investito durante le ultime due sessioni di calciomercato.  Eppure, l’arrivo di grandi giocatori come Boateng e Balotelli, così come di giocatori di esperienza come Scozzarella e Barillà, non hanno permesso al Monza di conquistare il primo posto in classifica.

Leggi anche: Serie B, highlights Cittadella-Monza: gol e sintesi partita | VIDEO

Brocchi Cittadella Monza, tifosi scatenati sui social

Brocchi Cittadella Monza
Brocchi Cittadella Monza

Ad esser contestato principalmente dai tifosi è Cristian Brocchi, allenatore del Monza. Critiche pesanti pesano sulla testa dell’ex allenatore del Milan che, secondo le opinioni dei tifosi sui social, non è mai riuscito a dare a questa squadra un gioco chiaro e un equilibrio tattico. Elementi, in effetti, necessari per una squadra che ambisce a vincere un campionato così spinoso come quello della Serie B.

Effettivamente, nonostante il terzo posto in classifica, i biancorossi non sono mai realmente riusciti ad incidere in campionato come da pronostici di inizio campionato. In alcune gare, sia in casa che in trasferta, ha sempre evidenziato una grande difficoltà nell’approcciarsi alla gara con la giusta concentrazione. La mancanza di equilibrio tattico e il compiacersi spesso della propria qualità, ha fatto sì che gli uomini di Brocchi non riuscissero mai realmente a definirsi una squadra di calcio a tutti gli effetti.