Belgio, scoppia la polemica tra i Diavoli Rossi: cosa è successo in ritiro

E’ polemica prima di Belgio-Italia: alcuni calciatori della Nazionale fiamminga avrebbero violato le norme sanitarie imposte dall’UEFA rompendo la bolla.

belgio polemica calciatori
I calciatori del Belgio (Gettyimages)

Si accende una polemica a pochi giorni dall’inizio del big match tra Italia e Belgio, poiché i prossimi avversari della Nazionale italiana hanno violato le norme sanitarie imposte dall’UEFA.

In questi giorni si sta parlando moltissimo delle regole anti contagio, data la massiccia presenza di tifosi sugli spalti. Non a caso, i supporter inglesi non potranno arrivare dalla Gran Bretagna per Inghilterra-Ucraina, valida per i quarti di finale di EURO 2020. Ma le regole non valgono solo per gli spettatori, ma anche all’interno delle Nazionali.

Ed è proprio il Belgio ad aver rotto la bolla ed aver violato le norme sanitarie imposte dall’UEFA, imposte per evitare contagi per Covid. Che cosa è successo al ritiro dei Diavoli Rossi.

Leggi anche >>> Belgio-Italia, Acerbi pronto a fermare Lukaku: i precedenti sulla sfida

Belgio, calciatori incontrano familiari: è polemica

Belgio Portogallo
Il Belgio festeggia il gol di Thorgan Hazard (Getty Images)

Stando a quanto affermato dal portavoce della Nazionale fiamminga Stefan Van Loock, alcuni calciatori del Belgio hanno incontrato i propri familiari, violando le norme sanitarie dell’UEFA. I giocatori di ogni squadra devono rispettare le rispettive bolle e limitare l’esposizione ai contagi per Covid. L’organo calcistico europeo aveva espressamente chiesto di evitare incontri con persone esterne al gruppo-squadra. Ma questa regola è stata violata dal Belgio poco prima della sfida contro il Portogallo.

Sempre secondo quanto dichiarato da Van Loock, non ci sarebbe da preoccuparsi: “E’ avvenuto tutto nei modi più sicuri. Le persone coinvolte hanno effettuato test“. Dunque, alcuni calciatori della Nazionale del Belgio hanno incontrato persone esterne allo spogliatoio, ma queste avrebbero svolto i test per assicurarsi di non essere positivi al Covid. Ora spetterà all’UEFA capire se ci sono le condizioni per sanzionare o indagare in merito a questi incontri o lasciar correre, dato che sarebbero stati seguiti gli iter per riunioni e riconciliazioni in totale sicurezza.