Donnarumma, niente 99 al PSG: il curioso motivo

Gianluigi Donnarumma è ufficialmente il nuovo portiere del PSG: cambia il numero di maglia, il curioso motivo dietro a questa scelta.

Donnarumma PSG Numero Maglia
Gianluigi Donnarumma, portiere dell’Italia a EURO 2020 (Getty Images)

Dopo il successo da protagonista a EURO 2020, Gianluigi Donnarumma ha ufficialmente cominciato un nuovo capitolo della sua carriera. Da poche ore il PSG ha annunciato il suo arrivo a costo zero dopo il mancato rinnovo col Milan. Nel comunicato dei parigini e nelle prima foto pubblicate sui social qualcuno ha notato un curioso particolare.

Sul retro della maglia tenuta da Donnarumma non compare più il 99 ma un altro numero. Dalla prossima stagione l’ex portiere rossonero indosserà il 50, abbandonando la simbolica data di nascita con cui ha esordito e sempre mantenuto in Serie A. Una scelta che ha sorpreso i tifosi ma dietro c’è un motivo ben preciso.

Leggi anche -> PSG, Donnarumma a Parigi per la firma: cifre e durata del contratto – VIDEO

Donnarumma cambia numero al PSG: vietato il 99

Donnarumma PSG Maglia
Gianluigi Donnarumma a EURO 2020 (Getty Images)

Come riportato da Sky Sport, Donnarumma avrebbe continuato a giocare con il numero 99 ma non ha potuto farlo perché vietato dal regolamento della FLP. La federazione calcistica francese non permette alle squadre di Ligue 1 assegnare ai giocatori numeri superiori al 30. C’è però un’eccezione che può riguardare situazioni particolari come quello del PSG.

Attualmente la squadra parigina conta più di 30 tesserati in rosa e può ricevere una deroga per scegliere numeri più alti. Un permesso speciale riguardante proprio i portieri, presenti in abbondanza nella formazione di Pochettino. Nello specifico sono diventati otto con l’arrivo del classe ’99 e si è dovuto per forza superare il limite del “30”.

Il regolamento vieta le numerazioni fantasiose e lascia esclusivamente ai tre portieri l’1, il 16 e il 30. Al PSG però sono già occupati rispettivamente da Keylor Navas, Sergio Rico e Letellier. Soltanto in questo caso la federazione mette a disposizione anche il 40, 50 e 60 da assegnare a un ulteriore portiere. Da qui la decisione obbligata di Donnarumma che ha scelto di affidarsi al 50.