Ramsey lancia una sfida alla Juve e i tifosi perdono la pazienza: la frase incriminata

Aaron Ramsey ha lanciato una sfida alla Juventus e i tifosi bianconeri hanno perso la pazienza: scopri cos’ha dichiarato il calciatore 

Ramsey Juve
Ramsey, calciatore della Juventus (LaPresse)

In Serie A è un fantasma e con la Juventus ha trascorso più tempo in infermeria che in campo, ma con il suo Galles è reduce da una doppietta contro la Bielorussia che lo ha rilanciato. Parliamo ovviamente di Aaron Ramsey, un oggetto del mistero in Italia, ma che in nazionale fa ancora parlare di sé.

Dopo le due reti segnate nell’ultima gara di qualificazione per i Mondiali in Qatar, giocata sabato scorso, il centrocampista ex Arsenal ha rilasciato un’intervista che ha fatto discutere i tifosi della Juventus, per nulla felici che il club bianconero versi 7 milioni di euro all’anno per lo stipendio del giocatore.

Leggi anche -> Dybala, giallo infortunio: le parole di Scaloni spiazzano la Juve

Ramsey lancia un messaggio alla Juve: tifosi inferociti

Ramsey Juve
Ramsey, centrocampista della Juventus (LaPresse)

Ad un giorno dalla gara contro il Belgio, che potrebbe consentire al Galles di accedere ai Playoff dei Mondiali anche solo con un pareggio, il centrocampista classe ’90 ha lanciato un messaggio chiarissimo anche nei confronti della Juve.

La società del patron Agnelli ha infatti iniziato a valutare una cessione del giocatore, che, però, non sembra assolutamente intenzionato a fermarsi: “Non interessa cosa dicono di me, ne cosa scrivono. So cosa significa giocare nel Galles o nella Juve e voglio farlo sempre di più”.

Ramsey ha poi concluso: “Mi sento ancora in grado di poter dare tanto e spero di poterlo fare ancora a lungo. Questo è il mio unico pensiero quando gioco”. Un desiderio che, soprattutto con la Juve, difficilmente si è trasformato in realtà.

Con la maglia bianconera sono state pochissime le soddisfazioni per il gallese e lo stesso per i tifosi bianconeri, che hanno quasi del tutto smesso di credere nel centrocampista, spingendo per una sua cessione anche a gennaio.