Fiorentina, Italiano non dimentica Vlahovic: il curioso paragone non passa inosservato

Il tecnico della Fiorentina, Vincenzo Italiano, ha parlato ai microfoni di DAZN al termine del match pareggiato contro il Verona: le sue parole

La Fiorentina, questo pomeriggio, non è andata oltre l’1-1 contro il Verona. I Viola, complici le vittorie di Lazio e Roma, hanno perso terreno per un posto nelle prossime competizioni europee.

italiano vlahovic
Dusan Vlahovic e Vincenzo Italiano durante un’esultanza (Foto LaPresse)

Ora, i toscani, sono a quota 43 punti a meno -4 dal quinto posto e -3 dal sesto. Gli uomini di Italiano, però, devono ancora recuperare un match, quello non disputato contro l’Udinese lo scorso 6 gennaio.

Al termine del match, però, alcune dichiarazioni di Vincenzo Italiano hanno sorpreso i tifosi della Fiorentina. L’allenatore è tornato a parlare dell’ex Vlahovic paragonandolo ai suoi due attaccanti Cabral e Piatek. 

Fiorentina, Italiano su Valhovic: “Rispetto a Piatek e Cabral lui…”

Vincenzo Italiano, il tecnico della Fiorentina paragona Vlahovic a Cabral e Piatek (Foto LaPresse)

Queste, nello specifico, le parole di Italiano sul serbo e il paragone con i suoi due nuovi attaccanti: “La differenza era che quando c’era Dusan avevamo fatto un lavoro in ritiro di alcuni mesi, poi lui è uno concreto che trasforma ogni occasione in gol”.

Italiano ha poi aggiunto: “Sia Piatek sia Cabral erano abituati ad andare in profondità, io ogni tanto chiedo anche di venire a legare il gioco. Si devono abituare. Piatek negli ultimi metri fa gol, Cabral deve crescere perché deve smaltire un problemino fisico”. 

Il tecnico della Viola ha poi ribadito cos’è che manca alla sua squadra in questa fase: “Giochiamo e creiamo tanto e la squadra fa sempre la prestazione. Manchiamo ancora sotto porta e con gli esterni che secondo me dovrebbero essere più presenti in zona gol. Ad ogni modo siamo bravi ad attaccare e sono convinto che la concretezza arriverà”.