“Haaland e Messi nella stessa squadra”: l’annuncio infiamma il mercato

Il futuro di Haaland e Messi potrebbe essere nella stessa squadra. Ecco l’indiscrezione di mercato che ha incuriosito i tifosi

Il futuro di Lionel Messi ed Erling Haaland è sempre più intricato. Il fuoriclasse argentino, a quanto pare, avrebbe manifestato la voglia di lasciare Parigi al termine della stagione. La Pulce non è riuscito ad ambientarsi come desiderato e si fa sempre più concreta la possibilità di un divorzio dopo solo un anno all’ombra della Tour Eiffel.

Haaland e Messi
Haaland e Leo Messi (Foto LaPresse)

L’attaccante del Borussia Dortmund, invece, sembra essere finalmente pronto per il grande salto in un top club europeo. Il gigante norvegese è una garanzia in zona gol e molti club europei lo stanno monitorando da un paio di stagioni.

Dalla Spagna, intanto, giungono delle dichiarazioni decisamente interessanti che potrebbero spalancare ad uno scenario piuttosto scintillante per i due calciatori. I fan dei due fuoriclasse sono curiosissimi di comprendere qualcosa in più sul loro futuro.

“Haaland e Messi? Nulla è impossibile”, le dichiarazioni non passano inosservate

Tifosi del Barcellona (Foto LaPresse)

Enric Masip, consigliere del presidente del Barcellona, Joan Laporta, ha rilasciato un’intervista ai microfoni di Cadena Cope ed ha parlato proprio del possibile ritorno di Messi in blaugrana in vista della prossima stagione.

Queste, nel dettaglio, le parole di Masip: “Messi torna al Barcellona? Niente è impossibile nel calcio, ma posso dire che al momento non ci sono stati contatti tra le parti. Non abbiamo mai parlato di questo”.

Il consigliere di Laporta ha poi risposto ad una domanda relativa all’interessamento per Haaland. Come detto, il bomber norvegese interessa a tantissimi top club europei e la prossima estate si preannuncia più rovente che mai. Le sue dichiarazioni: “L’acquisto di Haaland è difficile, ma non impossibile. Ci sono tante variabili da soddisfare, ma la più importante è che prima di acquistare il club deve fare delle cessioni”.