Klopp, dalle docce all’incubo San Paolo: terzo ko a Napoli

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:16

L’aveva detto suscitando qualche polemica Jurgen Klopp: “Speriamo che al San Paolo ci siano le docce”, e in qualche modo la doccia il mister se l’è presa, gelida e implacabile: il Liverpool, da Campione d’Europa in carica, perde all’esordio proprio contro i partenopei. Decisivi, stavolta, Mertens e Llorente. Lo spagnolo ha battezzato al meglio il debutto europeo con la maglia azzurra.

Chi di ironia ferisce di ironia perisce. È il contrappasso che tocca all’allenatore dei Reds costretto ad ammettere la superiorità dell’avversario e, a quel punto, non c’è più posto per le risate: magari un sorriso amaro come quello di Joaquin Phoenix nei panni di Joker, ma Klopp non è un giullare. Resta un calcolatore, a cui qualcosa è andato storto per l’ennesima volta: la terza sconfitta al San Paolo in altrettante partite. Uno spauracchio difficile da debellare, non basterebbe nemmeno viaggiare nei boschi, come l’abbiamo visto fare per pubblicizzare una nota macchina.

Klopp, incubo San Paolo: terzo ko a Napoli

Klopp, quante sconfitte al San Paolo
Klopp ancora sconfitto a Napoli, il San Paolo è tabù (Getty Images)

I fanali, ora come ora, andrebbero accesi su quanto il Liverpool sia inespugnabile ad Anfield e piuttosto fragile fuori le mura casalinghe. Il loro tempio fa miracoli e la storia l’ha dimostrato, ma appena Klopp e soci mettono piede fuori diventano la kriptonite di loro stessi. Capaci di farsi male da soli, come l’anno scorso: con i partenopei all’epoca finì 1-0. La corsa di Insigne sotto la Curva B fu memorabile, una sconfitta inflitta nelle fasi finali di gara. Un po’ come quest’ultima, ma meno pesante, forse. Ai tempi del Borussia, il tedesco trovò un’ulteriore débâcle confermando quanto il Napoli sia la sua bestia nera: d’altronde Ancelotti glielo ha detto “Perdi qui e vinci le finali”.

Forse, intanto al mister gli ci vorrà più di un lavaggio per rimuovere le due macchie di questa sera. Perché i panni sporchi si lavano in casa, visto che fuori l’aria sa essere pungente.

Leggi anche –> Liverpool, tutto sull’avversario del Napoli in Champions: tattica, rosa e curiosità