Milan, ricordi Menez: futuro nella Serie B francese per l’ex rossonero

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:28

Menez torna in Francia: ufficiale al Paris FC

Un’altra avventura in vista per Jeremy Menez. In Italia ha vestito le maglie di Roma e Milan; in mezzo l’avventura al Paris Saint-Germain. Adesso ritorna nella capitale francese. Infatti ha firmato un contratto con il Paris FC.

Ieri è arrivato l’annuncio ufficiale tramite i social del club. L’attaccante, classe 1987, era svincolato dopo l’ultima esperienza in Messico con il Club America. Giocherà con la squadra parigina in questa stagione: ha siglato un accordo per un solo anno, probabilmente con opzione di rinnovo, anche se non c’è ufficialità in merito. Il Paris FC merita attualmente nella Ligue 2, ovvero la Serie B francese.


Menez al Paris FC

Menez, una carriera di alti e bassi

Menez ha iniziato a far vedere il suo talento al Sochaux, dove ha mosso i primi passi prima del passaggio al Monaco, vero trampolino di lancio della sua carriera. Da lì il passaggio alla Roma nel 2008, allora allenata da Luciano Spalletti. Mette in mostra il suo infinito talento anche con Claudio Ranieri e Vincenzo Montella (per pochi mesi). Nel 2011 il passaggio al PSG, che in quegli anni stava iniziando a costruire il proprio impero. Menez ha partecipato quindi alla crescita del club per tre anni, fino alla scadenza del contratto.

Nel 2014, da svincolato, passa al Milan di Filippo Inzaghi e ne diventa il trascinatore. Nell’estate del 2015 si infortuna gravemente e resta fuori dai campi per diversi mesi. Ritorna in un match di Coppa Italia, contro l’Alessandria, quando in panchina c’è Sinisa Mihajlovic. E segna una doppietta. Ma la sua seconda avventura in Italia è agli sgoccioli. Da lì in poi, la sua carriera è in calo. Bordeaux e Antalyaspor prima del Club America, adesso il ritorno in Francia al Paris FC, la seconda squadra della capitale dopo il PSG, in Ligue 2. Con il sogno di giocare il derby contro la sua ex…

LEGGI ANCHE – Milan, Piatek e la citazione di Shevchenko: “I momenti negativi fanno parte del calcio”