Moviola Serie A 10.a giornata: rigore su Cristiano Ronaldo giusto, espulsioni Fazio e Cassata severe

Non bastava Napoli-Atalanta. Tanti gli episodi da moviola nelle partite serali della 10.a giornata di Serie A. Vi segnaliamo di seguito i più significativi.

Juventus-Genoa: Nel primo tempo, Rugani commette un’ingenuità e ferma Pinamonti lanciato a rete. Per l’arbitro Giua, il difensore bianconero non è ultimo uomo (Bonucci non sembra vicinissimo all’azione) e, pertanto, lo ammonisce. A inizio secondo tempo, lieve trattenuta di Cassata su Dybala. Già ammonito, il centrocampista del Genoa rimedia il secondo cartellino giallo, una decisione che sembra davvero molto severa. Espulso, per proteste, il portiere genoano Marchetti dalla panchina. Finale convulso. Gol annullato – giustamente – per fuorigioco a Cristiano Ronaldo. Al 94′ fallo di Sanabria sul portoghese e rigore – giusto –  assegnato ai bianconeri con CR7 che regala i tre punti ai suoi

Udinese-Roma: Dopo il gol dello 0-1 segnato da Zaniolo, la Roma resta in dieci per l’espulsione di Fazio. L’arbitro Irrati punisce con il rosso il fallo da ultimo uomo del difensore su Okaka. Il contatto sembra lieve. La decisione arbitrale è stata ratificata dal controllo Var.

Sassuolo-Fiorentina: Annullato il gol del possibile 1-1 alla Fiorentina segnato da Castrovilli. Prima della conclusione a rete del centrocampista viola, tocco di mano di Boateng.

Sampdoria-Lecce: Poco prima del termine del primo tempo, l’arbitro Massa decreta un rigore per il Lecce per fallo di mano di Ferrari con conseguente espulsione del difensore doriano. Il controllo Var effettuato a bordo campo smentisce la precedente decisione. Tocco di petto del difensore, rigore e espulsione annullati.

Cagliari-Bologna: Annullato il gol del possibile 1-2 ai felsinei segnato di Palacio. Al momento della deviazione di petto, l’attaccante era oltre i difensori sardi, decisione poi confermata dal Var

Leggi anche – Napoli-Atalanta, contatto Kjaer-Llorente: proteste dei partenopei per mancato rigore

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *