Borussia Dortmund-Inter le pagelle: Hakimi è imprendibile, Lukaku un fantasma

Borussia Dortmund Inter

Partita incredibile e ai due volti tra Borussia Dortmund e Inter, che chiude il primo tempo avanti 2-0 con le reti di Lautaro e Vecino ma si spegne nella ripresa e viene travolta dalla rimonta dei tedeschi. Alla fine finisce 3-2 con doppietta di Hakimi e il gol di Brandt che abbattono i nerazzurri. Queste le pagelle dei protagonisti del Signal Iduna Park, nella quarta giornata di Champions League.

Borussia Dortmund-Inter, le pagelle dei gialloneri

Burki 6: colpito a freddo dal sinistro in area di Lautaro, dove può farci poco. E’ in ritardo invece sul destro angolato di Vecino. Due tiri in porta, due gol subiti. Nel finale controlla bene le uscite.

Hakimi 8: il mattatore assoluto della partita. Le occasioni migliori arrivano dalla sua fascia, dove salta sempre l’uomo e sforna cross a ripetizione. Non solo segna anche una doppietta da centrvanti, imprendibile e letale sotto porta.

Akanji 5: fuori tempo nell’azione del gol di Lautaro, quando sbaglia il colpo di testa e lancia in campo aperto l’argentino. Non è l’unico errore della sua serata, vissuta in continua difficoltà.

Hummels 5,5: lento e impacciato quando insegue Lautaro, che lo taglia fuori con troppa facilità e segna l’1-0. Poi cerca di riprendersi con qualche anticipo, ma non è più il muro di una volta.

Schulz 5,5: anche lui vive una serata complicata, soffre la velocità di Candreva e non a caso i due gol arrivano dalla sua fascia. Si rende protagonista anche per un brutto fallo su Politano.

Witsel 6: mette fisicità e qualità, arrivando anche più volte al tiro. E’ una delle anime di questo Dortmund, che riesce a completare una pazzesca rimonta.

Weigl 6: un po’ spaesato a centrocampo, non è così preciso e arriva in ritardo sulle chiusure. Col passare dei minuti però aumenta d’intensità, caricando la manovra.

Sancho 6,5: in ombra nel primo tempo, ci si aspetta la sua giocata che non arriva mai. Chiama Handanovic alla parata più difficile, ma è troppo poco per il suo talento. Cresce nella ripresa, cambia marcia e diventa una spina nel fianco (Dal 82′ Piszczek: S.V.)

Brandt 7: si riscatta dopo un primo tempo opaco, dove era stato uno dei peggiori, con il gol del 2-2 da posizione defilata e altre giocate di ottima fattura.

Hazard 5,5: si assenta per gran parte della gara, quando si accende crea scompiglio ma non bastano due o tre lampi per salvare la sua prestazione. (Dal 88′ Guerreiro: S.V.)

Gotze 6,5: è chiuso nella morsa dei difensori nerazzurri, allora si sgancia e si muove su tutto il fronte. Nell’occasione del gol si scambia la posizione con Hakimi, che ringrazia il suo cross. (Dal 64′ Alcacer 6,5: entra benissimo in partita, dopo pochi secondi ruba palla a Brozovic e fornisce a Brandt l’assist del pareggio)

All.Lucien Favre 6,5: alla fine ha ragione lui. Dopo un primo tempo pessimo e sotto 2-0 in casa, ribalta la squadra all’intervallo che esce con un altro spirito e conquista un successo fondamentale per la qualificazione.

Borussia Dortmund-Inter, le pagelle dei nerazzurri

Handanovic 6: Nel primo tempo chiude la porta a Gotze, Hazard e Sancho. Si conferma una sicurezza per l’Inter, anche se sul secondo e terzo gol poteva fare di più.

Godin 5: prova a sopperire i limiti di corsa con l’esperienza e il gioco d’astuzia, ma alle volte non basta per fermare gli attaccanti del Dortmund che nella ripresa gli passano da tutte le parti.

De Vrij 5,5: al centro della difesa sbaglia pochi interventi e comanda il reparto, in occasione del 2-1 però non legge il movimento di Hakimi e alla fine crolla insieme alla squadra.

Skriniar 5: anche lui in difficoltà, come spesso è capitato in questo inizio stagione. Non è al massimo della condizione e si fa sfuggire troppe volte i diretti avversari.

Candreva 6,5: ha il merito di lanciare Lautaro in occasione dell’1-0 e di fornire l’assist del 2-0 per Vecino. Una furia sulla fascia destra, completamente rigenerato dalla cura Conte.

Vecino 6,5: non si vede molto, ma svolge un lavoro sporco e di appoggio di qualità. Al 40′ però spunta fuori e un suo inserimento vale il raddoppio nerazzurro. Dopo l’intervallo cala come tutti i compagni e viene sostituto. (Dal 68′ Sensi 5,5: si aspettava un rientro in campo diverso, al primo pallone sbaglia un passaggio e soffre l’inerzia della partita)

Brozovic 5,5: buona regia del croato che fa partire ogni azione nerazzurra, come quella del 2-0 quando si libera dal pressing con grande eleganza. In occasione del pareggio però perde un pallone sanguinoso, che macchia la sua partita.

Barella 6: un moto perpetuo in mezzo al campo, non smette mai di correre e pressare gli avversari. Tocca tanti palloni, le scelte sono anche giuste ma finisce travolto nel secondo tempo.

Biraghi 5: le partite di Champions sono un’altra cosa, si fa ammonire dopo un minuto e soffre la spinta continua di Hakimi. Deve fare ancora esperienza in questi palcoscenici. (Dal 66′ Lazaro 5,5: entra per contenere la furia del Dortmund, il compito non riesce)

Lukaku 5: prende un palo in fuorigioco di due metri e non tira mai in porta. E’ troppo macchinoso, viene sempre chiuso e perde quasi tutti i duelli. (Dal 73′ Politano 6: entra per dare più vivacità, ma è sfortunato perché viene azzoppato da Schulz e si fa male alla caviglia)

Lautaro Martinez 6,5: è in forma smagliante, sblocca il risultato come al Camp Nou dopo pochi minuti con un’azione personale. Anche stavolta però il suo gol è inutile, perché arriva un’altra sconfitta.

All.Antonio Conte 6,5: Nel primo tempo vince a livello tattico la sfida con Favre, nella ripresa però non trova le contromosse per fermare l’ondata gialla che rimonta il risultato e complica la qualificazione dell’Inter.

Leggi anche – Champions League: Highlights Borussia Dortmund-Inter: video gol e sintesi match

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *