Suso si separa dall’agente Lucci: rinnovo con il Milan o cessione per lo spagnolo?

Suso
Suso si separa dall’agente Lucci: rinnovo con il Milan o cessione per lo spagnolo?

Il mercato del Milan ruoterà ancora intorno a Suso. E’ notizia di oggi che l’esterno spagnolo si è separato dal suo storico agente, Alessandro Lucci, con cui ha condiviso gli ultimi due anni di carriera. Una scelta consensuale, alla base però ci sarebbe la promessa (non mantenuta) di spostarlo la scorsa estate. Entrambi però hanno deciso di lasciarsi, dividendo le loro strade e in qualche modo aprendo nuovi scenari. Suso infatti, il più fischiato dai tifosi e uno dei peggiori di questa stagione, tornerà a discutere il suo futuro con il Milan, con cui sarebbe legato fino a giugno 2022.

Milan, Suso cambia agente e può tornare sul mercato

Il cambio di procuratore potrebbe andare nella direzione di una cessione o di un altro rinnovo, con aumento d’ingaggio. Nell’attuale contratto è presente anche una clausola rescissoria da 38 milioni di euro, valida per l’estero entro il 15 luglio di ogni stagione. Lo spagnolo però vuole prendersi tempo per riflettere e decidere con calma a chi affidare i suoi interessi. Ad oggi nessuno è favorito, ma nei prossimi giorni riceverà tante chiamate anche dall’estero. Suso non ha fretta e vuole godersi questa stagione al Milan, forse l’ultima della sua avventura, in attesa di possibili sviluppi a gennaio.

Intanto l’ex agente Lucci ha voluto ringraziare Suso con questo post Instagram: “Abbiamo vissuto anni positivi, affrontando nuove sfide e vivendo emozioni vere dal punto di vista sportivo e umano. Ora le nostre strade professionali si separano, ma la stima per il calciatore e per l’uomo rimarrà immutata. In bocca al lupo Jesus per la tua carriera e per la tua vita fuori dal campo; è stato un piacere condividere questa esperienza insieme”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Alessandro Lucci WSA (@worldsocceragency) in data:

Leggi anche – Milan, Suso sui social: “Un gol non cambia la storia, i fischi sono meritati”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *