Italia-Armenia, Mancini: “Costruito una mentalità vincente, domani faremo dei cambi”

Mancini Conferenza
Nazionale, Mancini: “Costruito una mentalità vincente, domani faremo dei cambi”

L’Italia torna in campo domani sera contro l’Armenia, nell’ultima gara di qualificazione agli Europei. L’occasione per allungare la striscia vincente e chiudere a punteggi pieno il suo girone.

Nazionale, Mancini: “Dominiamo le partite, mi aspetto tanto da Chiesa”

Alla vigilia della partita di Palermo, il ct Roberto Mancini è intervenuto in conferenza stampa rilasciando queste parole: “Ringrazio Sacchi per i complimenti, mi aspettavo la qualificazione ma non vincere così tante partite. Non era questo il primo obiettivo, noi dovevano riportare i tifosi intorno alla Nazionale e imprimere una mentalità vincente ai giocatori. I risultati sono soltanto una conseguenza, abbiamo anche rischiato a costo di fare sempre la partita”.

Il ct azzurro si sofferma sul gioco dell’Italia: “Il modo sarà sempre lo stesso. Non ci sono alternative, giochiamo a viso aperto contro tutti. A San Siro abbiamo dominato contro il Portogallo, campione d’Europa in carica. Non c’era Ronaldo, ma era l’unica assenza e avremmo meritato la vittoria. Poi nel calcio puoi anche perdere”. 

Domani sera Mancini cambierà alcuni uomini, ma ci sono ancora dubbi tranne su Chiesa: “Devo ancora decidere la formazione, vediamo oggi e domani come rispondono i giocatori. La partita di venerdì è stata faticosa, qualcuno l’ho visto stanco e faremo dei cambi. Di sicuro giocherà Chiesa, mi aspetto una grande risposta. E’ tra quei tre-quattro che avranno più motivazioni per fare bene”.

In ogni caso ci sarà spazio per i più giovani, filo conduttore di questo nuovo ciclo: “Mi hanno sorpreso tutti in positivo, sembrano non potessero giocare titolare e invece… Hanno sfruttato le occasioni e devono farlo anche i prossimi. Quando farò la lista dei convocati, non sarà facile lasciare a casa alcuni ragazzi”.

Leggi anche – Italia, Mancini nuovo uomo dei record con la Nazionale: tutti i numeri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *