Lukaku, lo Slavia Praga lo attacca: “Nessun coro razzista, dovrebbe scusarsi”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:00
Lukaku Razzismo
Lukaku, lo Slavia Praga lo attacca: “Nessun coro razzista, dovrebbe scusarsi”.

Lo Slavia Praga si dissocia dalle parole di Romelu Lukaku, che nel post-partita di mercoledì sera aveva lamentato cori razzisti nei suoi confronti. Oggi pomeriggio la società ceca, attraverso i canali social ufficiali, ha postato il filmato delle dichiarazioni dell’attaccante nerazzurro corredato dalla loro versione dei fatti.

Il comunicato dello Slavia: “Lukaku si scusi per le sue dichiarazioni”

Questo il comunicato dello Slavia Praga che nega e attacca Lukaku: “Abbiamo analizzato tutti i filmati disponibili e nulla conferma le parole di Lukaku. Non ci sono stati cori razzisti, respingiamo totalmente qualsiasi tipo di comportamento a sfondo razziale dei nostri tifosi. Quando succede ci scusiamo con i diretti interessati, dovremmo fare lo stesso Lukaku alla nostra immagine”.

Dopo l’accusa di Lukaku è arrivata la risposta dello Slavia, che aggiunge un altro capitolo di questa brutta vicenda. La UEFA non prenderà nessun tipo di provvedimento perché l’arbitro e i delegati in tribuna non hanno sentito questi cori. La partita infatti è andata avanti senza interruzioni, ma questo non esclude che il bomber nerazzurro, in occasione del 2-0 annullato, sia stato bersaglio dei tifosi avversari.

Leggi anche – Slavia Praga-Inter, Lukaku: “Cori razzisti contro di me, la UEFA deve intervenire”