Juventus, ESCLUSIVO Gentile: “Sarri costretto a vincere. Ecco la mia idea su Ibrahimovic”

Maurizio Sarri (Getty Images)
Maurizio Sarri (Getty Images)

Sarri, Conte, Ibrahimovic. Questi alcuni argomenti contenuti nell’intervista rilasciata in ESCLUSIVA a CalcioToday.it da Claudio Gentile, ex difensore della Juventus, campione del Mondo a Spagna’82 e ct dell’Italia Under 21, vincitrice dell’Europeo di categoria nel 2004

A due giorni dalla fine del girone d’andata, Gentile traccia un bilancio del lavoro svolto dal tecnico della Juventus: “Se guardiamo il campionato i bianconeri sono primi e li ritengo favoriti per lo scudetto. La squadra credo che ancora non abbia assimilato le idee di gioco di Sarri. Serve tempo, anche perché con tanti campioni è paradossalmente più difficile imporsi. Il bilancio comunque si farà a fine anno e alla Juve conta vincere, se questo non avverrà, non è detto che l’allenatore sarà confermato”. Sui tanti gol incassati dalla squadra torinese, questo il pensiero dell’ex giocatore: “Credo in de Ligt, bisogna avere pazienza, ma in generale non ci sono più i difensori di una volta”. Infine sull’impiego del tridente Dybala, Ronaldo, Higuain: “Io lo schiererei sempre, purché venga supportato dal centrocampo anche in fase di non possesso, perché sono tre giocatori che non rientrano”.

LEGGI ANCHE – La Juventus irrompe su Kulusevski: offerti 50 milioni, Inter superata

LEGGI ANCHE – Cassano stronca Sarri: “Allenatore normale, ha sempre allenato in B e C”

LEGGI ANCHE – Pogba-Juventus, l’affare è in piedi. Decisivi i rapporti Paratici-Raiola

Inter e Milan, ESCLUSIVO Gentile su Conte, scudetto e Ibrahimovic

Zlatan Ibrahimovic (Getty Images)
Zlatan Ibrahimovic (Getty Images)

Rispetto alla corsa al titolo, l’ex difensore della Juventus ha le idee chiare: “Credo che l’Inter sarà l’unica rivale dei bianconeri. Conte sta dando molto a questa squadra, è un motivatore e se arriveranno rinforzi a gennaio darà filo da torcere fino alla fine”. Gentile poi boccia nettamente il ritorno di Ibrahimovic al Milan: “Non è un beneficio per il calcio italiano: se bisogna ricorrere ad un giocatore di 38 anni, seppur di grande spessore, mi viene da pensare. Io avrei puntato più su un giovane”.  Infine l’ex ct dell’Italia Under 21 assegna i suoi personali Oscar per il 2019: “Allenatore Simone Inzaghi, giocatore Lautaro Martinez, presidente Steven Zhang“.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

Calciomercato, ESCLUSIVO Paganini: “Inter, avanza Vidal. Pogba-Juventus, ecco la verità”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *