Inter-Milan, Pioli in conferenza: da Ibrahimovic al pericolo Eriksen. Le sue parole

Inter-Milan, Pioli in conferenza: da Ibrahimovic al pericolo Eriksen. Le sue parole
Inter-Milan, Pioli in conferenza: da Ibrahimovic al pericolo Eriksen. Le sue parole

Tutto ruota intorno a Zlatan Ibrahimovic: nel Milan che domani sera affronta nel derby l’Inter, la presenza dell’attaccante svedese è fondamentale. Ha parlato di questo e altro l’allenatore dei rossoneri, Stefano Pioli, che è intervenuto in conferenza stampa. Le sue prime riflessioni sono proprio per le condizioni dell’attaccante ex Galaxy: “L’Inter è partita meglio di noi, che invece stiamo cercando di recuperare. Non esistono partite dove si va in campo per pareggiare, e siamo consapevoli di essere in un buon momento. Ibrahimovic ha svolto un lavoro a parte, individualizzato. Se oggi si allenerà con la squadra sarà in campo domani. Dobbiamo vedere come sta oggi. Preoccupato per lui? No, abbiamo fatto tutto ciò che dovevamo: manca solo l’allenamento col gruppo”.

Inter-Milan, le parole di Pioli in conferenza stampa

L’allenatore rossonero non nasconde l’importanza del derby: “È una partita che vale di più, giocando meglio hai più possibilità di vincere. Eriksen dietro la punta? Non cambia nulla, l’Inter è una squadra riconoscibile tatticamente. Dobbiamo avere la faccia di Ibra domani, carica e determinata. Spalletti? Non ho tempo di perdere tempo, sono concentrato sul nostro presente. Sto vivendo la partita con l’obiettivo di vincere ma conosco le difficoltà che incontreremo – prosegue Pioli in conferenza stampa – dobbiamo essere fiduciosi nei nostri mezzi. Cosa voglio vedere domani? Dobbiamo mettere in campo che abbiamo le idee chiare. Rebic o Leao? Magari insieme, vedremo… Conte? Non lo conosco in maniera approfondita, entrambi entriamo nella testa dei giocatori anche se con caratteristiche diverse. Non gli invidio nulla. Vincere significa tanto in autostima e fiducia. Europa? Passa dalle prossime 16 partite. Infortuni? L’unico che hai dei problemi è Krunic, gli altri sono recuperabili. È una partita che vale di più il derby, abbiamo dimostrato di avere coraggio”.

Leggi anche – Inter-Milan, il derby di Kakà: “So chi segnerà. Torno in rossonero, ma non adesso”