Liverpool, Klopp: “Bello rispondere alla lettera del piccolo tifoso del Manchester United”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:45
Liverpool, Klopp: "Bello rispondere alla lettera del piccolo tifoso del Manchester United"
Liverpool, Klopp: “Bello rispondere alla lettera del piccolo tifoso del Manchester United”

“E’ stato bello rispondere a quella lettera. Avevamo tempo, l’ho letta così gli ho risposto”. Jurgen Klopp è tornato così sul suo messaggio al piccolo tifoso del Manchester United che gli chiedeva di smettere di vincere sempre in Premier League. “E’ stato sfacciato” ha scherzato bonariamente il tecnico dei Reds. “Non penso che tutti debbano tifare per il Liverpool e non ho problemi con i sostenitori delle altre squadre. Mi piace lavorare per il Liverpool, ed è bello che si creino rivalità. Ma è ancora meglio riuscire a mantenerle solo sul campo”.

La lettera del tifoso e la risposta di Klopp

Ma cosa è successo? Nei giorni scorsi un bambino di dieci anni aveva indirizzato una lettera ai Reds, o meglio al suo allenatore. Il Liverpool sta vincendo troppe partite. Essere un tifoso del Manchester United è molto triste. La prossima volta che il Liverpool gioca, per favore, falli perdere“.

La mamma del piccolo tifoso si è sorpresa quando è arrivata una raccomandata dalla sede del Liverpool firmata Jurgen Klopp. “Purtroppo in questa occasione non posso soddisfare la tua richiesta, non per mia scelta” ha scritto. “Fa parte del mio lavoro fare tutto il possibile per aiutare il Liverpool a vincere, dal momento che ci sono milioni di persone in tutto il mondo che vogliono che questo accada. E non voglio deluderli. Per tua fortuna abbiamo perso partite in passato e ne perderemo altre. Di sicuro, la tua passione per il calcio e per la tua squadra non cambieranno. Il Manchester United è fortunato ad averti come tifoso. Anche se i nostri club sono grandi rivali, tra le nostre squadre c’è un grande rispetto reciproco. Questo è per me il calcio“.

Leggi anche – Klopp:”Lazio favorita per lo scudetto, Juve la miglior squadra in Champions”