Milan, ESCLUSIVO Mirabelli: “Le voci su Rangnick destabilizzano. Non avrei preso Ibrahimovic. Su Maldini…”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:00
Zlatan Ibrahimovic (Getty Images)
Zlatan Ibrahimovic (Getty Images)

Il momento del Milan, le voci sull’arrivo di Rangnick, Ibrahimovic e Maldini. Questi ed altri i temi trattati in ESCLUSIVA a CalcioToday.it da Massimiliano Mirabelli, direttore sportivo e responsabile dell’area tecnica del club rossonero durante la gestione dell’imprenditore cinese Li Yonghong

In casa Milan tengono banco le voci sul possibile arrivo a fine stagione di Rangnick come allenatore e manager. Il tedesco sarebbe nel mirino di Gazidis, ma Maldini lo ha ritenuto però inadatto. Questa l’idea dell’ex dirigente rossonero: “Quando c’ero io si sapeva chi comandasse, non c’era confusione e i risultati si sono visti: siamo andati in Europa League,  abbiamo sfiorato la qualificazione alla Champions e arrivati in finale di Coppa Italia contro la Juventus. Il rimpianto è di non aver avuto tempo, mi auguro che ora i dirigenti lo abbiamo per continuare il progetto iniziato. Una nuova rivoluzione sarebbe sbagliata, le voci destabilizzano l’ambiente e Pioli non lavora tranquillamente”. Intanto, la squadra è risalita in classifica dall’arrivo di Ibrahimovic. L’ex dirigente rossonero dice la sua: “Lo svedese senza dubbio ha dato qualcosa d’importante, anche ai giovani che un tempo vedevano Ibra forse solo nelle figurine. Non vorrei però che sia solo una cosa momentanea, il peso non può andare tutto sulle spalle di un 38enne, seppure campione. Io comunque non l’avrei preso”.

LEGGI ANCHE – Milan, svolta sul futuro: Boban e Maldini incontrano Gazidis. Gli aggiornamenti

LEGGI ANCHE – Milan, Ibrahimovic si carica per la Fiorentina: il duro allenamento in palestra – VIDEO

Milan, ESCLUSIVO Mirabelli su Maldini, Gattuso e Donnarumma

Paolo Maldini (Getty Images)
Paolo Maldini (Getty Images)

Mirabelli giudica così il lavoro di Maldini, spesso criticato: “Chi ha giocato ad altissimi livelli non è detto che possa fare il dirigente. Paolo è alle prime armi e sta facendo la gavetta, avrà bisogno di tempo per prendere confidenza con questo mestiere”. L’ex ds  rossonero risponde così a chi addebita alla precedente gestione le difficoltà economiche del Milan: “Questo lo dice chi non conosce i fatti. Noi abbiamo trovato una squadra da rifare con una sola sessione di mercato a disposizione, abbiamo dovuto acquistare 10 giocatori. Abbiamo rinnovato il contratto di Donnarumma e con un agente come Raiola non è semplice, di questo ne ha beneficiato l’attuale società. Voglio vedere adesso se e come verrà prolungato il contratto del portiere. Poi abbiamo lanciato Gattuso come allenatore”.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE 

Allegri, rompe il silenzio: “Non c’è nulla con il PSG. Torno a settembre”

Juventus, prezzi “folli” per Inter e Lione: l’ira dei tifosi