Il Coronavirus ferma quasi tutti i campionati: ma si gioca ancora in nove paesi

Il Coronavirus ferma quasi tutti i campionati: ma si gioca ancora in nove paesi
Il Coronavirus ferma quasi tutti i campionati: ma si gioca ancora in nove paesi

Il Coronavirus ha fermato il calcio in tutto il mondo. O forse no. Esiste ancora qualche paese in cui si sta giocando ancora. Un po’ perché il contagio non si è diffuso, un po’ per “sfidare” i divieti e la sorte: in maniera decisamente incauta. Anche dopo che grandi federazioni si sono arrese, come la Turchia, la Russia, il Brasile, l’Argentina e la Turchia, ci sono paesi in cui ostinatamente si continua a giocare: Nicaragua, Bielorussia, Australia, Nigeria, Angola, Indonesia, Bangladesh, Palestina e Hong Kong lasciano il calcio in attività. In queste nazioni ancora si continua a giocare. A dispetto delle precise richieste dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, in questi nove paesi il calcio va avanti.

Il Coronavirus ferma quasi tutti i campionati: ma si gioca ancora in nove paesi
Il Coronavirus ferma quasi tutti i campionati: ma si gioca ancora in nove paesi

In Europa si gioca ancora in una sola nazione

In Europa l’unica nazione in cui si continua a giocare è la Bielorussia, nonostante si siano registrati già 52 casi di Coronavirus. Addirittura, il presidente bielorusso ha risposto all’emergenza con una provocazione: “Una sauna, bere vodka e lavorare molto può sconfiggere il virus”, ha spiegato. Anche l’America Centrale è paralizzata, ma in Nicaragua si continua a giocare: in questo paese soltanto un caso positivo. In Australia si registrano 700 casi di Coronavirus e 6 morti, ma il calcio non si ferma: anche se a porte chiuse. In Africa il contagio sembra ancora timido, ma il calcio è sospeso ovunque tranne che in Nigeria (con 12 casi accertati) e in Angola, dove non si registra alcun contagio. Ma il continente con il maggior numero di campionati attivi è l’Asia: si gioca ancora in quattro nazioni. Indonesia, Bangladesh, Palestina e Hong Kong, anche se in quest’ultimo caso si prosegue a giocare solo la coppa nazionale e non il campionato.

Leggi anche – Coronavirus, riduzione degli stipendi ai calciatori. Cambia il fair play finanziario

Leggi anche – Coronavirus: Ligue 1, il Lione mette in disoccupazione i suoi giocatori