Serie A, scommesse in crisi: la mossa del Governo scatena la protesta

Il calcio è fermo, e tutto l’indotto è fortemente in crisi. In particolare patisce la situazione attuale il mondo delle scommesse. Senza Serie A si è bloccato tutto: e l’idea del Governo, ossia di tassare proprio le agenzie per aiutare il sistema, ha scatenato la protesta degli esercenti

Serie A, scommesse in crisi: la mossa del Governo scatena la protesta
Serie A, scommesse in crisi: la mossa del Governo scatena la protesta (Getty Images)

Il calcio italiano è fortemente in crisi. Il blocco della Serie A a causa del Coronavirus ha mandato in tilt il sistema e soprattutto l’indotto. L’idea del Governo è di tassare il mondo delle scommesse (quando e se si ripartirà) per creare un fondo “Salva Sport”, eppure le agenzie protestano vivamente: “Siamo già in piena crisi, sarebbe un colpo di grazia”.

Ti potrebbe interessare anche – Serie A verso la ripresa: la data per il via libera agli allenamenti

Scommesse, la tassa per rilanciare lo sport fa infuriare le agenzie
Scommesse, la tassa per rilanciare lo sport fa infuriare le agenzie (Getty Images)

Serie A: scommesse, la tassa per rilanciare lo sport fa infuriare le agenzie

Un’idea che proprio non piace: “Il fatto di destinare lo 0.75% della raccolta delle scommesse sportive per alimentare un fondo di rilancio dello sport nazionale è immotivata, assurda e pericolosa – si legge in un comunicato congiunto di Confindustria servizi innovativi e tecnologici, Fipe-confcommercio e Confesercentiil nostro sistema è già in ginocchio, così come migliaia di lavoratori. Sarebbe assurdo infliggere al settore delle scommesse un aumento fiscale in epoca di piena crisi, sarebbe il solo in Italia a vedere un aumento di tasse. Lo sport va rilanciato e salvato, ma con altre modalità e non a spese di lavoratori e di famiglie”, si conclude la nota.

Leggi anche – Coronavirus: come cambiano le scommesse.