Coronavirus, Farfan del Lokomotiv Mosca positivo: primo caso in Russia

Primo caso di calciatore positivo in Russia per il Coronavirus: si tratta di Farfan del Lokomotiv Mosca

Farfan del Lokomotiv Mosca positivo al Coronavirus: primo caso in Russia
Farfan del Lokomotiv Mosca positivo: primo caso in Russia (Getty images)

Il Coronavirus contagia anche la Russia: mentre aumentano in modo esponenziale i positivi in tutto il paese, il Covid-19 fa capolino anche nel mondo del calcio. Il primo calciatore del campionato russo a risultato contagiato è l’attaccante del Lokomotiv Mosca Farfan, che ha accusato diversi sintomi, tra i quali la classica polmonite da Covid. Jefferson Farfan è stato sottoposto a tampone: il peruviano classe ’84 è risultato positivo.

Ti potrebbe interessare anche – Messi dona ancora: a chi è andato il contributo

Il Coronavirus arriva in Russia: Farfan del Lokomotiv Mosca positivo

Il Coronavirus arriva in Russia: Farfan del Lokomotiv Mosca positivo
Farfan del Lokomotiv Mosca positivo (Getty Images)

Il suo club ha diffuso una nota nella quale si dice fiducioso che tutto possa tornare alla normalità e il calciatore sia in grado di allenarsi entro un mese. Il Lokomotiv Mosca ha spiegato che nei giorni scorsi Farfan aveva avvertito malessere e debolezza, oltre che un persistente mal di testa. Quadro al quale si è aggiunta febbre e tosse. La TAC ai polmoni ha evidenziato la polmonite virale. Da qui l’esame che ha dato esito positivo. Il club russo non si è detto preoccupato per le condizioni del giocatore, che non risulta ricoverato in ospedale. Intanto, la Russia fa i conti con una diffusione del contagio sempre più pesante: i casi aumentano giorno dopo giorno e c’è preoccupazione. Non solo nel mondo del calcio. Fino a poche settimane fa la Russia sembrava essersi difesa bene, ma nelle ultime ore la situazione è diventata allarmante, tanto da costringere il presidente Putin a dover prendere delle nuove misure d’urgenza.

Leggi anche – Coronavirus, i dilettanti rischiano meno: uno studio lo dimostra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *