Serie A, Spadafora ottimista sulla ripresa. Annuncio sul protocollo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:25

Il Ministro dello Sport italiano Vincenzo Spadafora, ai microfoni della “Vita in Diretta” su Rai 1, ha deliberato la ripresa degli allenamenti di squadra e fissato le tappe per la ripresa della Serie A.

Spadafora Serie A
Vincenzo Spadafora (Getty Images)

La Serie A inizia a scaldare i motori. Il Ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, ha ufficializzato un altro passo verso la ripresa del campionato di calcio: la delibera agli allenamenti di squadra. Nel suo intervento, alla “Vita in Diretta” su Rai 1, ha espresso il parere positivo del CTS, comitato tecnico-scientifico, sul protocollo stilato dalla FIGC.

Un via libera importante che consente a tutte le società di cominciare le sedute di gruppo, aspettando la decisione finale. Il giorno segnato sul calendario, e confermato dallo stesso Spadafora, sarà giovedì 28 maggio quando i vertici del calcio incontreranno il governo. In quell’occasione si discuterà se e quando tornare in campo, valutando il successivo protocollo delle partite.

Ti potrebbe anche interessare – Serie A, via libera nuovo protocollo: Spadafora fissa data decisiva per ripresa

Serie A, Spadafora sulla possibile ripresa: “Il 28 si decide”

Gravina Serie A
Gabriele Gravina (Getty Images)

La Serie A trova il secondo semaforo verde e continua a sperare nella ripartenza. Il protocollo sugli allenamenti di squadra è stato accettato dal CTS che la prossima settimana dovrà valutare quello del campionato. L’ultimo scoglio prima dell’apertura definitiva, guardata con più ottimismo anche da Vincenzo Spadafora: Voglio essere fiducioso. Ero contrario quando non c’erano ancora le condizioni sanitarie. Ora se riparte tutto il paese, anche il calcio deve riprendere per la gioia di molti italiani”.

Il Ministro dello Sport sarà il tramite tra la FIGC e il comitato tecnico-scientifico, il cui giudizio sarà ancora decisivo. Il protocollo finale è ancora in fase di elaborazione, le squadre hanno già ricevuto una bozza e lunedì 25 maggio passerà nelle mani del governo. L’attesa inizia a crescere: ancora pochi giorni e si conoscerà il destino del calcio italiano.

Leggi anche – Ibrahimovic, spunta un’altra pretendente in Serie A e non è il Bologna