Gasperini positivo al Covid, il Valencia chiede l’intervento della UEFA

Gian Piero Gasperini ha rivelato di aver contratto il Covid-19 e, secondo la stampa spagnola, il Valencia potrebbe chiedere l’intervento della UEFA

Gasperini positivo al Covid, la richiesta del Valencia (Getty Images)
Gasperini positivo al Covid, la richiesta del Valencia (Getty Images)

“Era il giorno prima della sfida contro il Valencia e stavo davvero male. Dopo i test sierologici ho scoperto di essere stato positivo al Covid-19. Queste le parole rilasciate da Gian Piero Gasperini negli scorsi giorni in un’intervista alla Gazzetta dello Sport.

Le dichiarazioni hanno colpito tutti gli appassionati come un fulmine a ciel sereno e anche la dirigenza del Valencia è venuta a conoscenza della notizia. Il club spagnolo ha affrontato l’Atalanta proprio nei giorni in cui il tecnico dei bergamaschi avrebbe contratto il virus e la sua presenza in panchina ha fatto infuriare la società.

Potrebbe interessarti anche: Gasperini sotto accusa: il duro comunicato del Valencia

Gasperini, possibile inchiesta dell’UEFA

Gasperini, la UEFA potrebbe aprire un'inchiesta (Getty Images)
Gasperini, la UEFA potrebbe aprire un’inchiesta (Getty Images)

Il Valencia ha quindi deciso di pubblicare immediatamente una nota sul proprio sito ufficiale. All’interno si esprime tutta la sorpresa per l’accaduto e si accusa l’allenatore di aver messo a rischio la salute di tutte le persone presenti per il match di Champions League, giocato comunque a porte chiuse.

“Los Murcielagos”, però, non si sarebbero accontentati. Stando a quanto riferito dal quotidiano Marca, infatti, avrebbero chiesto alla UEFA e alle autorità sanitarie italiane di effettuare un intervento sull’allenatore. Possibile, dunque, che venga aperta un’inchiesta sul tecnico dell’Atalanta, finito nel mirino anche di Ana Barcelò, responsabile del dipartimento sanitario di Valencia, che ha giudicato poco responsabile il comportamento di Gasperini.

Leggi anche -> Gasperini rivela: “Ho avuto il Covid-19. Pensavo alla morte”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *