Son racconta l’addestramento militare: “Esperienza speciale”

Ai canali ufficiali del Tottenham, Heung-Min Son ha raccontato la sua esperienza presso il servizio militare in Corea del Sud

Son racconta l'addestramento militare: "Esperienza speciale" (Getty Images)
Son racconta l’addestramento militare: “Esperienza speciale” (Getty Images)

Da qualche settimana ormai, il Tottenham ha riabbracciato Heung-Min Son. Ad aprile, mentre i suoi compagni erano chiusi in casa a causa dell’emergenza coronavirus, il 27enne di Chuncheon è volato in Corea del Sud per svolgere tre settimane di duro addestramento militare. Chi credeva che al giocatore potesse essere riservato un trattamento diverso per via della sua fama, si sbagliava. Come anticipato dal padre, infatti, Son al pari dei suoi compagni, ha dovuto affrontare diverse prove impegnative, come l’esposizione ai lacrimogeni, le esercitazioni con fucili e marce interminabili lunghe più di 30 km.

Leggi anche -> Son, “incubo” servizio militare finito per sempre: ora c’è solo il Tottenham

Son: “Tre settimane difficili, ma mi è piaciuto”

Heung-Min Son (Getty Images)

Come un vero professionista, però, Son ha affrontato l’addestramento dando il meglio di sé. Impegno che alla fine è stato ripagato. Il giocatore, infatti, al termine del corso è stato premiato come uno dei migliori cinque tirocinanti. “È stata un’esperienza speciale, non riuscirei a dire tutto quello che ho fatto, ma mi è davvero piaciuto. I ragazzi sono stati carini. Sono state tre settimane difficili, ma ho provato a godermi un’esperienza che non avrò mai più”, ha dichiarato Heung-Min Son durante un’intervista ai canali ufficiali del Tottenham.

Il giovane sudcoreano ha poi proseguito raccontando il legame che si è creato con il resto dei compagni: “Il primo giorno non ci conoscevamo e quindi è stato un po’ strano, ma poi abbiamo dovuto passare tanti giorni insieme in una stanza con 10 persone. All’inizio i ragazzi non riuscivano nemmeno a parlarmi ma dopo abbiamo riso e scherzato tutti insieme”.

Infine, Son ha confessato che durante l’addestramento ha sentito la mancanza dei tifosi, i quali, a detta del giocatore, lo hanno sommerso di messaggi. Messaggi che il giovane talento del Tottenham ha potuto leggere solo alla fine del servizio militare, dal momento che durante l’addestramento l’uso del telefono era vietato. Il giocatore si è augurato di poter ripagare tutto l’affetto ricevuto al più presto: “spero di riuscire a farli contenti una volta tornato in campo”.

Leggi anche -> Son, campione anche al militare: premio per il coreano al poligono

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *