Serie A, highlights Milan-Juventus: gol e sintesi partita – VIDEO

A San Siro il Milan batte la Juventus con un pirotecnico 4-2. Rimonta dei rossoneri che sa di impresa, alla Juventus non bastano Rabiot e Cristiano Ronaldo.

Serie A, Milan-Juventus, la sintesi del match (Getty Images)
Serie A, Milan-Juventus, la sintesi del match (Getty Images)

Alla Scala del Calcio, nella 31esima giornata di Serie A, va in scena una classica. Milan-Juventus, confronto tra due squadre che tornano a contendersi ambizioni di alta classifica: Pioli cerca di confermare un posto in Europa League, Sarri vuole consolidare il primato in classifica per tentare l’allungo sulla Lazio che vorrebbe dire Scudetto più vicino. I bianconeri schierano Higuain e Ronaldo, confermato anche Bernardeschi. Rossoneri che, invece, si affidano a Ibrahimovic e Rebic sul fronte offensivo. Il primo tempo ha visto prevalentemente le due squadre equivalersi, inizialmente la squadra di Pioli è venuta fuori con Saelemaekers, Kessiè e Ibrahimovic che hanno dato vita a trame di gioco interessanti.

La Juventus ha saputo tenere con ordine in difesa per poi proporsi in attacco nella parte centrale di prima frazione: Bernardeschi e Cristiano Ronaldo i più attivi in avanti, anche Bonucci ha sfiorato il gol di testa, ma il punteggio rimane 0-0 dopo 45 minuti a ritmi alti, terminati con il gol annullato a Ibrahimovic per netto fuorigioco

Leggi anche – Milan, un ex Juve come sostituto di Ibrahimovic: l’occasione a costo zero

Milan-Juventus: i momenti salienti del match

Serie A, highlights Milan-Juventus (Getty Images)
Serie A, highlights Milan-Juventus (Getty Images)

Il match lo sblocca Rabiot per la Juventus con un gol pazzesco a inizio ripresa. Il francese supera Hernandez con un tunnel, corre per trenta metri e scaglia di potenza all’incrocio un fendenteper Donnarumma. Il gol preso scuote i bianconeri e “taglia le gambe” ai rossoneri che subiscono il 2-0 nell’arco di pochi minuti con Cristiano Ronaldo che approfitta di un pasticcio difensivo tra Kjaer e Romagnoli. CR7, solo davanti a Donnarumma, è una sentenza. Il Milan cerca di reagire qualche istante più tardi con una buona azione portata avanti da Rebic, conclusione di Calhanoglu, ma Szczesny è attento fra i pali. Al 59′, sempre Rebic si mette in evidenza con la collaborazione di Theo Hernandez.

Per vedere gli highlights di Milan-Juventus – CLICCA QUI

Le occasioni costruite dalla squadra di Pioli danno i suoi frutti al 61′ con il rigore segnato da Ibrahimovic. Singolare la concessione del penalty. L’arbitro Guida, infatti, aveva sanzionato un fallo di mano di Rebic, ammonendo il croato. Il successivo richiamo del VAR chiarisce la dinamica dell’azione. Rebic colpisce la palla di petto e Bonucci devia con il braccio. Penalty e Ibra spiazza Sczesny (qui l’approfondimento dell’episodio alla moviola).

Neanche il tempo di festeggiare che i rossoneri trovano il pareggio definitivo con Kessié appena 5 minuti più tardi con l’incursione dell’ivoriano che sorprende un non irreprensibile Bonucci. A San Siro è di nuovo tutto in equilibrio. Parità che dura poco. Al 67′ Leao segna l’incredibile 3-2 con una conclusione in diagonale che sorprende l’incerto Szcesny.

La Juventus è sotto di un gol e Sarri prova a cambiare le carte: fuori Higuain, Rabiot e Pjanic; dentro Matuidi, Ramsey e Douglas Costa. Quarto d’ora finale determinante per la Juventus che cerca, con ogni mezzo e in ogni modo di arrivare almeno al pareggio. I bianconeri lo sfiorano con l’incornata di Rugani sulla quale Donnarumma compie un balzo portentoso.

Nel momento di maggior pressing juventino, arriva il 4-2 del Milan. A propiziarlo un errore in disimpegno di Alex Sandro che serve Bonaventura. Rapido l’assist di quest’ultimo a Rebic, conclusione immediata e gol. Nel finale non succede nulla. Juve tramortita ma sempre a +7 dalla Lazio. Per il Milan, l’Europa è sempre più vicina.

Per vedere gli highlights di Milan-Juventus – CLICCA QUI

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *