Roma, chi è Dan Friedkin: patrimonio, affari e curiosità del nuovo presidente

Dan Friedkin è il nuovo proprietario della Roma. Ha acquistato la società da James Pallotta per 591 milioni. “Non vediamo l’ora di chiudere l’acquisto il prima possibile” ha detto. Le curiosità e le passioni del nuovo presidente

Ha un patrimonio stimato in oltre quattro miliardi di dollari, è a capo di un impero nel settore dell’automobilismo, è un pilota di aerei e produttore di film. Dan Friedkin completerà entro il 17 agosto l‘acquisizione di tutte le azioni della Roma in mano a Pallotta, per un prezzo complessivo di 591 milioni di euro debiti compresi. Diventa il terzo proprietario più ricco del calcio italiano dopo Andrea Agnelli della Juve (15,9 miliardi di dollari) e Zhang Jindong dell’Inter (6,8).

Capo di un impero automobilistico

Dan Friedkin con Ridley Scott
Dan Friedkin con Ridley Scott

Friedkin, 54 anni, dal 1995 è CEO della Gulf States Toyota, la holding creata dal padre Thomas. Alla sua morte, nel 2017, è passato alla guida della società che ha l’esclusiva della distribuzione delle auto giapponesi in Texas, Arkansas, Louisiana, Mississipi e Oklahoma. Oltre una Toyota su dieci di quelle vendute negli Stati Uniti è distribuita dalla compagnia di Friedking, che Forbes colloca al 504° posto tra gli uomini più ricchi del mondo.

Suo padre, pilota di guerra, aveva anche fondato nel 1949 la Pacific Southwest Airlines, la prima compagnia low-cost degli Stati Uniti che ha continuato a operare fino al 1988.

Appassionato di auto, nel 1967 ha creato la Gulf States, che ha continuato a governare dal quartier generale di Houston in un campus di 37 mila metri quadri. La compagnia rimane uno dei soli due distributori privati della casa giapponese negli Usa insieme alla Southeast Toyota Distributors del miliardario Jim Moran.

Leggi anche – Roma, ufficiale cambio proprietà: cifre intesa tra Pallotta e Friedkin

La passione per gli aerei

Dan, prima di ereditare l’attività di famiglia, si è laureato alla Georgetown University per poi conseguire un master in Business Administration alla Rice University.

Friedkin, che vive in Texas con la moglie e quattro figli, ha donato quasi 400 milioni di dollari in attività benefiche.

Dal padre ha ereditato anche la passione per gli aerei. Ha iniziato con gli alianti a 14 anni, ma è passato presto ai velivoli da guerra. Ha pilotato T-6, P-51 Mustang, F-86 Sabre, F6F, F8F, F4U-4, Hawker Hurricane e vari modelli di Spitfire. Ha fondato la Air Force Heritage Flight Foundation. E’ uno dei nove civili con la qualifica per volare con la squadra di volo acrobatico dell’Air Force, l’equivalente Usa delle Frecce Tricolori.

E’ produttore e regista cinematografico

Partner commerciale della squadra di basket NBA degli Houston Rockets, che gioca in un’arena sponsorizzata dalla Toyota, Friedkin negli ultimi anni si è dedicato al cinema. Ha prodotto “The Square“, che ha vinto la Palma d’oro a Cannes nel 2017; “Tutti i soldi del mondo” sul sequestro di Paul Getty nel 1973 a Roma; e “The Mule” con Clint Eastwood. E sarà il co-produttore di “Killer Of The Flower Moon” diretto da Martin Scorsese con Leonardo DiCaprio e Robert De Niro.

Ha anche diretto il suo primo film, “Lyrebird”, presentato in anteprima mondiale al Telluride Film Festival lo scorso 31 agosto. Friedkin, che è anche produttore, si è basato sulla vera storia dell’olandese Han van Megeren, il più grande falsario del mondo che ha fatto una fortuna vendendo suoi quadri spacciandoli per opere di Vermeer a Hermann Goring e ai vertici del partito nazista durante la Seconda guerra mondiale.

Ha anche investito nella società di hotellerie di lusso Auberge Resorts, che ha proprietà ad Aspen e Cabo San Lucas, e in esclusivi circoli di golf come il Congaree in South Carolina e il Diamond Creek in North Carolina.

Leggi anche – Roma-Siviglia, Fonseca: “Smalling era importante, ho fiducia in Ibanez”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *