Inter-Bayer Leverkusen, cosa prevede regolamento: supplementari, rigori

Inter-Bayer Leverkusen segna l’avvio della Final Eight di Europa League per i nerazzurri. Il regolamento della sfida e della parte finale della manifestazione

Inter-Bayer Lever Leverkusen apre a Düsseldorf la Final Eight di Europa League. Le due squadre si sono incontrate solo nella seconda fase a gironi della Champions League 2002/03. L’Inter vinse entrambe le sfide, 2-0 in Germania e 3-2 al Meazza, arrivando sino alla semifinale dove avrebbe poi perso contro il Milan.

Dopo aver raggiunto gli ottavi per la quarta volta grazie alla vittoria sul Ludogorets, l’Inter ha interrotto una striscia di tre eliminazioni consecutive a questa fase della competizione grazie al 2-0 contro il Getafe (gara giocata in gara secca e in campo neutro). I nerazzurri hanno un bilancio di 9 vittorie, due pareggi e quattro sconfitte nelle gare a eliminazione diretta in Europa League. Tre delle sconfitte sono arrivate contro avversarie tedesche, due contro il Wolfsburg, una con l’Eintracht Francoforte.

Il Bayer, eliminato ai quarti di Coppa Uefa nel 2006-07 e nel 2007-08, non raggiungono una semifinale europea dal 2001/02. Allora, nei quarti di Champions League, eliminarono il Liverpool. Imbattuti da nove partite di Europa League, i Werkself non perdono in casa da otto partite nella manifestazione.

Leggi anche – Inter-Bayer Leverkusen, Conte avverte: “Partita da brividi, vogliamo semifinale”

Inter-Bayer Leverkusen, il regolamento della Final Eight di Europa League

Inter-Bayer Leverkusen, il regolamento della Final Eight di Europa League
Inter-Bayer Leverkusen, il regolamento della Final Eight di Europa League

La Final Eight di Europa League si disputa in Germania, in quattro città: Colonia, Duisburg, Dusseldorf e Gelsenkirchen: quarti il 10 e l’11 agosto, semifinali il 16-17, finale a Colonia il 21. Tutte le partite si giocano in gara unica, quindi in caso di parità al 90′ previsti supplementari ed eventuali calci di rigore.

Per questa fase senza precedenti nella storia della manifestazione, la UEFA consentirà alle squadre un massimo di cinque sostituzioni in non più di tre momenti diversi della partita, a cui si possono aggiungere i cambi negli intervalli tra primo e secondo tempo, fra regolamentari e supplementari o fra primo e secondo supplementare. Inoltre, consentita una sesta sostituzione dopo i tempi regolamentari. Inoltre, sarà possibile scegliere, tra titolari e panchinari, fra 23 giocatori, come accadeva in precedenza solo per la finale.

In via straordinaria, vista l’eccezionalità della formula pensata dopo il lockdown, la UEFA ha modificato l’articolo 49.04 del regolamento dell’Europa League per quanto riguarda i cartellini gialli. Le ammonizioni, infatti, sono state azzerate dopo gli ottavi.

Leggi anche – Europa League, i quarti di finale: tutte le qualificate alla Final Eight

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *