Cagliari: tre positivi al Covid-19: chi sono i calciatori coinvolti

Il Coronavirus colpisce ben tre giocatori del Cagliari, che si sono sottoposti ai controlli di rito dopo il raduno di ieri agli ordini del neo tecnico Eusebio Di Francesco.

E’ una giornata certamente difficile per il mondo del calcio, alle prese con la dura realtà dei contagi da Covid-19. Il primo a essere toccato dal problema è stato Antonio Mirante, portiere della Roma, che ha dato l’annuncio attraverso il suo profilo social, sottolineando comunque di essere asintomatico ma di avere iniziato l’isolamento. Ora un problema analogo coinvolge il Cagliari, con ben tre calciatori che risultano contagiati.

Dopo la diffusione della notizia, il club sardo ha preferito non rivelare l’identità dei diretti interessati ma alla fine nel tardo pomeriggio ha svelato i nomi dei contagiati. Come si legge dal comunicato ufficiale, si tratta di Filip Bradaric, Luca Ceppitelli e Alberto Cerri che si aggiungono a Despodov e sono andati subito in isolamento domiciliare. Come loro altri due compagni di squadra, a stretto contatto con i tre positivi, dovranno rispettare un periodo di quarantena.

Cagliari, quattro casi totali di Coronavirus: ritiro rinviato

Serie A, Zenga non si rassegna: “Giochiamo a Ferragosto”
Esultanza dei giocatori del Cagliari (Foto: Getty Images)

Potrebbe interessarti – Effetto Coronavirus sul Fair Play Finanziario: la soluzione della Uefa

Proprio nella giornata di ieri la formazione sarda, che ha iniziato un nuovo ciclo sotto la guida di Eusebio Di Francesco, si era radunata per iniziare la preparazione in vista del campionato, che partirà nel weekend del 19-20 settembre. La ripresa degli allenamenti, come si legge a margine della nota ufficiale, è prevista per domani giovedì 20 agosto al centro sportivo di Assemini mentre il ritiro è stato rinviato alle prossime settimane.

Da domani la squadra rossoblù avrebbe dovuto trasferirsi in Barbagia, ad Aritzu, sede scelta per il breve raduno, ma c’è stato inevitabilmente un cambio di programma. Non è escluso che si possa procedere verso un secondo giro di tamponi per confermare ulteriormente la diagnosi. Questo non fa quindi che rendere ancora più alto l’allarme per la crescita dei contagi in Sardegna, meta scelta in questa estate da tantissime persone, vip e non solo di tutte le età. Molti, infatti, hanno preferito non lasciare il nostro paese per motivi precauzionali.

Leggi anche – Ajax, 13 positivi al Coronavirus: riserbo sui contagiati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *