Messi, l’addio al Barcellona può costargli una sanzione FIFA: il parere legale

Secondo l’avvocato Nick De Marco, intervenuto a The Transfer Show su Sky Sports Messi potrebbe rischiare una squalifica se decidesse di lasciare il Barcellona prima di risolvere la disputa contrattuale con la società

Leo Messi può andare incontro a una sanzione da parte della FIFA. Lo spiega l’avvocato Nick De Marco, che dal 2002 ha rappresentato organizzazioni sportive, squadre, calciatori e agenti, a The Transfer Show su Sky Sports. Secondo De Marco, che non è in alcun modo coinvolto nella vicenda, Messi potrebbe essere squalificato se decidesse di lasciare il Barcellona senza aver prima risolto la disputa contrattuale con la società.

De Marco ipotizza che, se la battaglia a suon di carte bollate dovesse andare avanti, il procedimento finirà alla camera di risoluzione delle dispute della FIFA. Perché, a suo avviso, in un caso come questo che coinvolge un potenziale trasferimento internazionale, si applica il regolamento FIFA. “Esiste la possibilità che il giocatore dica: ‘Ho diritto ad andarmene, me ne vado’. Il rischio con questa strategia è che la squadra di appartenenza possa fare causa – ha detto -. Anche se la FIFA normalmente consente in questi casi al calciatore di registrarsi per un’altra società, se il club per cui giocava vincesse la causa il giocatore dovrebbe pagare i danni e sarebbe squalificato per mesi.

Leggi anche – Messi al Manchester City, la possibile offerta: contatto con Guardiola

Messi, la clausola per l’addio al Barcellona

Messi, la clausola per l'addio al Barcellona
Messi, la clausola per l’addio al Barcellona

Dal suo punto di vista, è più probabile che si arrivi a una transazione. “Il Barcellona non ha certo intenzione di pagare un giocatore che non si impegna al 100%, perché fa male a se stesso e a tutto lo spogliatoio. D’altra parte, l’ultima cosa che Messi vuole è essere pagato per restare a guardare, senza fare nulla, fino al 2021″, scadenza naturale del contratto che prevede una clausola di rescissione da 700 milioni di euro

L’altra questione riguarda la clausola che Messi ha fatto inserire nel suo contratto nel 2017, in base alla quale alla fine di ogni stagione può decidere di lasciare il Barcellona a parametro zero. “Il suo entourage ha fatto inserire una clausola ‘esci gratis di prigione’ alla fine di ogni stagione” ha spiegato nello stesso programma di Sky Sports l’esperto di calcio spagnolo Graham Hunter. “Avrebbe dovuto informare il club a maggio del suo desiderio di lasciare la squadra, e il club avrebbe dovuto accettare. Da molto tempo, Messi e il suo staff hanno preparato questo paracadute per andarsene se la squadra dovesse indebolirsi” ha detto.

Leggi anche – Messi, a Barcellona i tifosi invadono il Camp Nou: il video delle proteste

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *