Barcellona, Ansu Fati fa due gol ma non è Uomo Partita: la motivazione

Barcellona, Ansu Fati ha segnato due gol e causato un rigore in 35 minuti contro il Villarreal. Perché non è stato eletto migliore in campo. 

E’ iniziato al meglio il nuovo corso di Ronald Koeman al Barcellona. I blaugrana, nella prima partita ufficiale dopo il 2-8 in Champions League contro il Bayern Monaco, hanno dominato 4-0 il Villarreal al Camp Nou. Il tecnico olandese, salutato Suarez che ha segnato una doppietta entrando dalla panchina all’esordio con l’Atletico Madrid, ha schierato Messi come riferimento dell’attacco e alle sue spalle ha allineato Ansu Fati, Philippe Coutinho e Antoine Griezmann.

Fati, talento cristallino che ha già battuto più di un primato di precocità in blaugrana, ha rubato la scena. Il diciassettenne ha segnato i primi due gol nella Liga del Barcellona targato Koeman e ha procurato il rigore del 3-0, trasformato da Messi. Tutto questo nei primi 35 minuti di partita. Ma il premio di migliore in campo, alla fine del match, è stato assegnato a Jordi Alba. Una scelta che non è passata certo inosservata anche sui social network.

Leggi anche – Barcellona, Koeman vince l’esordio in Liga: 4-0 al Villarreal in un tempo

Barcellona, perché Ansu Fati non è l’uomo partita

Fati, uscito per Dembele nel secondo tempo, sta bruciando le tappe. Troppo, per la Liga. E’ troppo giovane, infatti, per essere riconosciuto come migliore in campo. E’ questa la motivazione dietro la decisione di non assegnare il riconoscimento al teenager spagnolo che ha incantato tutti. Il premio di “King of the Match” assegnato al miglior giocatore in campo nelle partite della Liga, come ha spiegato su Twitter la pagina “Get Spanish Football News”, è sponsorizzato dalla birra Budweiser. E Fati non ha l’età per bere alcool in Spagna. Dunque, fino al compimento dei 18 anni, niente birra e niente premio.

Un episodio simile è accaduto a Christian Pulisic, oggi al Chelsea, nel 2018 quando giocava al Borussia Dortmund. Fu eletto migliore in campo nel 3-1 al Liverpool nel torneo amichevole International Champions Cup. Si giocava negli USA, dove la maggiore età si raggiunge a 21 anni. Il premio era sponsorizzato dalla Heineken e Pulisic di anni ne aveva 19 allora. Anche in quel caso, niente premio.

Leggi anche – Il Barcellona blinda Ansu Fati: la clausola rescissoria per spaventare i rivali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *