Covid-19, nuovi casi nel Betis: a rischio derby col Siviglia

Covid-19 colpisce ancora una volta il mondo del calcio spagnolo. Questa volta, tocca al Betis che rischia di saltare il derby con il Siviglia.

Continua a colpire senza soluzioni di continuità il covid-19 che, da un anno a questa parte sta bloccando non poco anche il mondo del calcio. Infatti, così come in Italia e in Inghilterra, anche in Spagna si starebbero per registrare le prime gare rinviate a causa di nuovi focolai nei vari club. Secondo quanto viene riportato dai media spagnoli, questa volta potrebbe toccare al Betis che rischia di vedersi rinviato il derby con il Siviglia. Il tutto è iniziato lunedì, quando venne registrata la positività di Alex Moreno. Un risultato che ha portato alla quarantena l’intera squadra e nuovi test per tutti in modo tale da poter escludere nuovi casi.

Potrebbe anche interessarti: Tottenham – Fulham rinviata, furia Mourinho: “Poca professionalità”

Betis-Barcellona (Getty Images)

Covid-19, colpito di nuovo il Betis

Il Betis non è nuovo nella gestione del Covid-19 visto che ha dovuto gestire in passato la messa in quarantena di giocatori come Joel Robles, Juanmi, LorenFekir e William Carvalho. Mandi l’ha superato un mese fa e Álex Moreno, l’ultimo ad essere stato contagiato, è ancora isolato a casa sua, conforme al protocollo LaLiga. Situazione ben diversa invece per Montoya che dovette isolarsi due volte per contatto diretto con i positivi, sebbene la malattia non l’avesse colpito.

Secondo quanto viene riportato dal quotidiano ‘ABC de Sevilla’, ci sarebbero altri tre calciatori del Betis positivi al covid-19. Mancherebbe la conferma dei test a cui è stata sottoposta l’intera rosa. Solo una volta confermati i risultati, sarà LaLiga a decidere se considerarlo come nuovo focolaio o meno. Nel caso in cui fosse considerato tale, il derby di domani verrà rinviato a data da destinarsi.

Dunque, è solo una questione di ore e dopodiché si saprà se il derby della 17° giornata di Liga verrà disputato oppure procrastinato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *