Manchester City, tre nuovi positivi al Covid: a rischio la sfida col Chelsea

Pep Guardiola ha annunciato in conferenza stampa la positività al Covid di altri tre giocatori: scatta l’allarme nel Manchester City a poche ore dalla partita col Chelsea. 

In Inghilterra non si arresta la crescita dei contagi che sta colpendo anche il mondo del calcio. In particolare il Manchester City che, dopo il rinvio contro l’Everton a causa di due positività al Covid, ha riscontrato tre nuovi casi nel gruppo squadra. Dopo Walker e Gabriel Jesus (più due membri dello staff), altri tre giocatori sono stati infettati come comunicato dallo stesso Pep Guardiola in conferenza stampa. Tra due giorni i Citizens dovrebbero scendere in campo per la 17.a giornata di Premier League, nell’affascinante sfida contro il Chelsea.

Al momento la partita si disputerà regolarmente, ma sarà la federazione inglese ad avere l’ultima parola. Gli esiti degli ultimi tamponi non arrestano l’allarme sanitario in casa City che nelle prossime ore si sottoporrà a nuovi esami e dovrà scongiurare altre positività. In quel caso anche la trasferta di Londra sarebbe a rischio rinvio e la situazione diventerebbe difficile da gestire.

Ti potrebbe anche interessare – Everton-Man City, Ancelotti non ci sta: “Vogliamo dettagli”

Guardiola chiarisce: “Ho chiamato Ancelotti, era troppo pericoloso giocare”

Manchester City Covid
Manchester City (Getty Images)

Nel suo intervento Guardiola è tornato anche sul rinvio del match con l’Everton che aveva suscitato qualche malcontento: “Ho personalmente chiamato Ancelotti per chiarire e spiegare la nostra situazione. Noi potevamo giocare, ma cosa sarebbe successo se avessimo viaggiato tutti in bus e qualche giocatore avesse contratto il virus? Il giorno prima ci siamo allenati e siamo stati tutti a contatto. Cosa sarebbe successo se qualche giocatore dell’Everton si fosse infettato? Era un grosso pericolo”. Il potere centrale della Premier League ha voluto scegliere la linea della prudenza che, a fronte dei nuovi positivi (di cui non si conosce l’identità) si è rivelata una scelta sensata e alla fine corretta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *