Tottenham – Fulham rinviata, furia Mourinho: “Poca professionalità”

Tottenham fermo a causa del covid-19 e niente derby col Fulham. L’ex Inter e Chelsea si infuria per questa tardiva decisione.

Covid-19 o no, lo spettacolo deve continuare. Ma quando c’è un focolaio ampio ed il rischio contagio è alto, quanto sarebbe giusto rinviarla? Sicuramente, in uno stato di emergenza come quello attuale, il procrastinare un evento è la soluzione migliore anche se non tutti sono della stessa opinione. È il caso di Josè Mourinho, attuale allenatore del Tottenham che è andato su tutte le furie per la decisione presa e per le tempistiche con cui è stata adottata. Un’amarezza, quella dell’ex tecnico di Chelsea, Inter e Real Madrid, che andrebbe a riaprire il solito capito dell’inadeguatezza del sistema calcio nella gestione di emergenze del genere nonostante la sussistenza di protocolli sanitari.

Potrebbe anche interessarti: Manchester City, tre nuovi positivi al Covid: a rischio la sfida col Chelsea

mourinho tottenham fulham
José Mourinho (GettyImages)

Tottenham e la furia Mourinho

Rinviato a data da destinarsi il derby tra Tottenham e Fulham a causa del covid-19 e Mourinho va di nuovo su tutte le furie. A riportare la notizia è stata in primis la BBC che ha messo in risalto la contrarietà del rinvio da parte dell’ex tecnico del Manchester United. Non mi va di parlarne troppo – ha detto il tecnico portoghese -, perché credo sia stata una cosa davvero poco professionale. Ma è successa. Ormai eravamo pronti per giocare, ci eravamo preparati e ci hanno mandato all’aria una settimana di lavoro”.

Le positività al coronavirus di giocatori e membri dello staff del Fulham avevano già fatto sorgere il dubbio circa la possibilità di disputare la partita il 30 dicembre. Dubbi che però si sono protratti un po’ a lungo secondo l’allenatore del Tottenham che, in un post su Instagram del 29 dicembre scorso scrisse: “partita alle 6 di questo pomeriggio e non sappiamo ancora se giocheremo. La migliore lega del mondo…”.

Dunque, per Mourinho il problema principale non è stato il rinvio di per sé quanto la poca velocità nel prendere una decisione del genere, mandando all’aria i programmi settimanali del suo staff.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *