Maradona, l’eredità si allarga: spunta un dono di Fidel Castro

L’eredità di Diego Armando Maradona continua ad arricchirsi dopo la scoperta di un dono lasciato da Fidel Castro all’ex fuoriclasse argentino 

E’ passato più di un mese dalla morte di Diego Armando Maradona, ma la sua eredità continua a far discutere gli eredi. L’ex calciatore, ormai 7 anni fa, aveva cancellato dal testamento il nome delle figlie e della ex moglie, aprendo così un lungo dibattito sulla distribuzione dei suoi beni. Ad ampliare le polemiche potrebbe essere una nuova scoperta fatta negli ultimi giorni.

A riportarla è il quotidiano spagnolo Marca, che riferisce di dettagli importanti sul rapporto tra Maradona e Fidel Castro. L’ex rivoluzionario cubano ha rappresentato una figura cruciale nel credo politico del Pibe de Oro, che è anche riuscito ad incontrarlo di persona in più di una circostanza. I due, a quanto pare, avrebbero stretto un legame profondo a tal punto da portare lo stesso ex Primo Ministro a lasciare un dono proprio al Diez prima di morire nel 2016.

Potrebbe interessarti anche: Papa Francesco esalta lo sport e ricorda Maradona: “Un poeta in campo”

Maradona, l’eredità cresce: spunta un regalo di Fidel Castro

Maradona, il dono di Fidel Castro (Getty Images)
Maradona, il dono di Fidel Castro (Getty Images)

A riportare la vicenda alla luce è stato l’avvocato argentino Mauricio D’Alessandro, che avrebbe dichiarato alcuni dettagli sulla nuova scoperta nell’eredità dell’ex attaccante. Un figlio di Fidel Castro avrebbe chiamato l’avvocato di Maradona, Matìas Morla, per ricordagli che il padre aveva lasciato in regalo una casa all’Avana proprio a Diego.

Nella soffitta di quella casa ci sarebbero decine di oggetti. Il legale ha anche dichiarato che ogni cimelio verrà inserito in un museo. All’interno dell’abitazione sono state ritrovate lettere di leader mondiali e anche muri dipinti da Maradona stesso con la scritta “Fidel ti amo”. Al momento la casa è integra e disponibile. Difficile dunque calcolare il costo dell’intera eredità del Diez, ma, da una prima stima, supererebbe il valore di 75 milioni di euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *