PSG, Pochettino fissa l’obiettivo per l’attacco: è un big del Man City

Mauricio Pochettino si è da poco insediato sulla panchina del PSG e punta a rinforzare l’attacco. Al tecnico piace un giocatore in scadenza con il Manchester City.

E’ iniziata la nuova era targata Mauricio Pochettino al Paris Saint Germain, chiamato a risollevare la sqadra dopo l’esonero di Thomas Tuchel. La scelta di puntare sull’ex tecnico del Tottenham sembrava potesse facilitare l’arrivo di Christian Eriksen nella capitale francese, ma i suoi interessei sembrano esser rivolti ad altro. L’allenatore, infatti, vorrebbe rinforzare il reparto d’attacco, nonostante i nomi altisonanti in rosa non manchino di certo. E avrebbe già fatto un nome alla società, quello del “Kun” Aguero, attualmente in forza al Manchester City.

Il giocatore sarebbe ritenuto il rinforzo adatto per la sua esperienza (ha 32 anni), anche in ambito internazionale, oltre che per la sua velocità nel gioco offensivo. Ma c’è anche un altro aspetto non da poco che potrebbe favorire la trattativa: il contratto dell’argentino è infatti in scadenza a fine stagione.

Sergio Aguero (Getty Images)
Sergio Aguero (Getty Images)

Potrebbe interessarti – Pochettino al PSG, le prime parole: “Voglio un calcio battagliero e offensivo”

Aguero piace a Pochettino: il tecnico lo vuole al PSG

A confermare l’interesse nei confronti di Aguero è il “Daily Mail“, sempre bene informato sulle vicende che coinvolgono le squadre inglesi. A complicare almeno parzialmente i piani ci sarebbe però l’opinione dell’allenatore dei “Citizens”, Pep Guardiola, che lo ha sempre ritenuto un elemento fondamentale per il suo gioco.

Non ci sarebbero problemi da parte del PSG nemmeno per accontentare le richieste economiche dell’argentino, che attualmente percepisce ben 14 milioni di euro. A questo punto, però, se davvero l’affare andasse a buon fine, questo potrebbe aprire uno spiraglio per una cessione degli attaccanti già presenti in rosa. L’indiziato numero uno potrebbe essere Icardi, nonostante i problemi maggiori sembrava li avesse soprattutto con il suo ormai ex allenatore Tuchel, che non lo impiegava con continuità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *