Lazio, che figuraccia: Pedro Neto e Jordao pagati al club sbagliato

La Lazio ha pagato a un altro club la cifra per l’acquisto di Pedro Neto e Bruno Jordao anziché inviare il bonifico allo Sporting Braga: cosa è accaduto.

La Lazio è diventata protagonista di un’assurda storia di mercato. Come riporta il “Guardian”, la società biancoceleste ha inviato il pagamento dell’acquisto di Pedro Neto e Jordao a una squadra sbagliata. L’incredibile vicenda risale al 2017 quando i due giovani portoghesi sbarcano nella capitale durante il mercato estivo. Entrambi arrivano dallo Sporting Braga e in particolare l’attaccante classe 2000 viene acquistato per circa 11 milioni di euro (7 per il prestito più 4 per l’eventuale riscatto). Il fatto curioso però, come si evince dai conti pubblici della società, è che la cifra sia finita nelle casse di un altro club.

Ti potrebbe anche interessare – Lazio-Roma, Inzaghi: “Vietato sbagliare. Immobile e Luis Alberto ci saranno”

Lazio, caso Pedro Neto: inviati i soldi allo Sporting Lisbona e non al Braga

Pedro Neto Lazio
Pedro Neto (Getty Images)

La società di Lotito ha inviato l’assegno allo Sporting Lisbona perché ingannata dal nome simile a quello dello Sporting Braga. Una figuraccia degli addetti finanziari dei biancocelesti che si sono confusi come spiegato da Armando Calveri, segretario generale della Lazio, in una lettera inviata al tabloid inglese. Nella sua spiegazione si ammette questa leggerezza dovuta proprio alla similitudine dei nomi delle due squadre portoghesi. Un errore impensabile a questi livelli che deve ancora essere risolto.

Attualmente il Braga aspetta ancora di essere pagato, mentre lo Sporting Lisbona non ha mai dichiarato di aver ricevuto questo bonifico e i legali si stanno mettendo in contatto con il club capitolino. Nel frattempo Pedro Neto ha già cambiato maglia, passando al Wolverhampton nell’estate del 2019 per circa 18 milioni di euro. Una plusvalenza netta dei biancocelesti, con cui aveva raccolto appena 5 presenze, con l’unico problema di averlo ufficialmente comprato dalla squadra sbagliata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *