Supercoppa, highlights Juventus-Napoli: gol e sintesi partita – Video

Supercoppa, guarda gli highlights della Supercoppa italiana Juventus-Napoli al Mapei Stadium di Reggio Emilia

Supercoppa, highlights Juventus-Napoli: gol e sintesi partita - Video
Supercoppa Juventus-Napoli

Andrea Pirlo conquista il primo trofeo da allenatore. La Juve batte il Napoli 2-0 e si aggiudica la Supercoppa al Mapei Stadium. Decide nel secondo tempo Cristiano Ronaldo. Insigne sbaglia il rigore del possibile 1-1. Morata completa il trionfo. Nono successo per i bianconeri nella competizione, un record.

Pirlo schiera McKennie a destra con Chiesa a sinistra. Ma i bianconeri per tutto il primo tempo non incidono. Kulusevski mostra un paio di buone giocate, ma alla squadra di Pirlo mancano profondità e facilità di attaccare la trequarti avversaria. La Juve non va oltre un destro altissimo di Arthur e un tentativo impreciso dal limite di Cristiano Ronaldo.

Il Napoli di Gattuso, dopo un colpo di testa di Manolas al 5′ su angolo di Mario Rui, non alza il ritmo del gioco. Le due squadre si osservano senza spingere, anche se gli azzurri si fanno preferire negli ultimi trenta metri. Insigne prova il destro a giro poi l’imbucata per Lozano a cavallo del 22′ ma in nessuna delle occasioni crea problemi a Szczesny.

Il portiere polacco è decisivo al 28′ per neutralizzare l’unica grande occasione dei primi 45 minuti. E’ da applausi il suo intervento d’istinto sul colpo di testa in tuffo di Lozano, ispirato dal cross di Demme.

PER LA SINTESI DI JUVE-NAPOLI – CLICCA QUI

Supercoppa, la sintesi di Juventus-Napoli

Supercoppa, highlights Juventus-Napoli: gol e sintesi partita - Video
Supercoppa, highlights Juventus-Napoli: gol e sintesi partita – Video

All’intervallo, Pirlo deve togliere Chiesa che soffre di un leggero fastidio alla caviglia. Entra Bernardeschi e la Juve gioca meglio. E’ più alta, più efficace nello sviluppo del gioco, più pericolosa. Pronti via e proprio l’ex Fiorentina arriva prima di tutti sul cross di McKennie. La sua girata però non è decisa, Ospina respinge al di qua della linea. Lo conferma anche la goal line technology.

Cristiano Ronaldo si accende al 55′, anticipa Ospina ma non traccia un pallonetto preciso. Colpisce anche alla fronte il portiere del Napoli, che comunque mantiene il suo posto in campo. A centrocampo, la squadra di Gattuso fa più fatica, Zielinski appare in difficoltà nelle transizioni. Tre minuti dopo, la Juve massimizza la superiorità espressa nella ripresa e passa in vantaggio. Assist da sinistra, Bakayoko tocca ma non libera, Cristiano Ronaldo da centravanti, da due passi, fa 1-0. Il portoghese ha segnato 32 gol nelle ultime 32 presenze con la Juventus in tutte le competizioni.

Leggi anche – Supercoppa, è polemica sulla Cable Cam: le reazioni social

Gattuso toglie proprio Bakayoko per inserire Elmas, avendo la necessità di aggiungere elementi offensivi che possano sfruttare i ribaltamenti di gioco nei corridoi. Ovvero, quello che ha fatto benissimo l’Inter in campionato.

La Juve, però, con Cuadrado sulla fascia e Arthur in mezzo, ha una fisionomia più chiara nelle due fasi. Ma i bianconeri rischiano al 77′ quando McKennie in area, nel tentativo di rinviare, ha colpito sulla caviglia Mertens, entrato pochi minuti prima per Petagna. Valeri, richiamato al VAR, assegna giustamente il rigore. Insigne spiazza Szczesny ma calcia fuori.

Doppio cambio per Pirlo, entrano Morata e Rabiot per Kulusevski e Bentancur. Gattuso non può che sbilanciare il Napoli, con Politano e Llorente al posto di Demme e Mario Rui. Cinque minuti di recupero non cambiano il risultato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *