Ronaldo, il Fenomeno rivela: “Un grande rimpianto all’Inter”

Durante un evento organizzato da uno sponsor alla vigilia della finale di Copa Libertadores, Ronaldo ha svelato il suo grande rimpianto

Ronaldo, il Fenomeno rivela: "Un grande rimpianto all'Inter"
Ronaldo, il Fenomeno rivela: “Un grande rimpianto all’Inter”

La Copa Libertadores, la Champions League del Sudamerica, si appresta a vivere il suo atto conclusivo. La finale sarà tutta brasiliana. Si sfideranno Santos e Palmeiras, due squadre che hanno dimostrato di saper valorizzare i giovani.

Nel corso di uno degli eventi collaterali in vista della finale, a Rio, è intervenuto il Fenomeno Ronaldo. Oggi è presidente del Valladolid, e ha ammesso che diversi dei giocatori impegnati in finale l’hanno colpito. Molti, dice, li ha anche osservati. Ma il suo club, ora sedicesimo nella Liga spagnola, non ha abbastanza risorse per poterseli permettere. Il Santos, che è stata la squadra storica di Pelé, lavora meglio di tutti secondo il Fenomeno. “Hanno grandi talenti, e poi il club e l’allenatore hanno il coraggio di lanciarli” ha spiegato.

Leggi anche – Ronaldo snobba CR7: svelati i 5 giocatori più forti per il “Fenomeno”

Ronaldo: “Avrei dato tutto per la Champions all’Inter”

Ronaldo: "Avrei dato tutto per la Champions all'Inter"
Ronaldo: “Avrei dato tutto per la Champions all’Inter”

Oggi Ronaldo osserva calciatori da poter eventualmente ingaggiare per il suo club. Ma in passato, ha confessato, non guardava con la stessa attenzione i difensori che lo avrebbero marcato in campionato o in Champions League.

Quando era al Milan, ha detto, ne ha anche bonariamente discusso con Carlo Ancelotti. Il tecnico, allora in rossonero e oggi all’Everton, una volta gli ha chiesto se avesse visto i video dei prossimi avversari in occasione di una partita. “Non ho visto nulla – gli ha risposto -, ma puoi stare sicuri che loro sanno chi sono io'”.

Il suo più grande rimpianto, ha aggiunto nel corso dell’evento organizzato da uno degli sponsor della finale, riguarda però il suo periodo in nerazzurro. “Avrei dato un dito – confessa – per vincere la Champions League con l’Inter. O con il Real Madrid”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *