Moratti si racconta: dal ritorno all’Inter alla lite Conte-Agnelli

Massimo Moratti ha rilasciato un’intervista ai microfoni di ‘Radio Kiss Kiss Napoli’ e ha detto la sua riguardo i fatti accaduti durante la semifinale della Coppa Italia tra la Juventus e la sua Inter

Moratti Juventus Inter
Moratti Juventus Inter

Anche Massimo Moratti ha voluto dire la sua riguardo la semifinale di Coppa Italia tra la Juventus e la sua cara Inter. In particolare si è soffermato sulla lite avvenuta, durante e dopo la fine del match, tra il patron bianconero Andrea Agnelli ed il tecnico nerazzurro Antonio Conte. Queste le sue parole: “Si tratta solamente di una vecchia ruggine che viene fuori”.

Poi ha aggiunto: “Può capitare che possa succedere, anche se quello che si è visto non è per niente apprezzabile. Anche perché non essendoci i tifosi allo stadio, si sente di tutto. Io però, in tutta la mia carriera, non ho mai pensato, né mandato a quel paese un allenatore della Juventus ed avversario”.

Leggi anche >>> Inter, Barella verso il rinnovo: previsto un nuovo ruolo nella squadra

Moratti, l’ex patron è sicuro: “Ritorno all’Inter? No. Napoli? Mi è simpatico

Moratti Juventus ritorno Inter
Moratti Juventus ritorno Inter

Si è parlato anche di un suo possibile ritorno all’Inter, ma lo stesso Moratti ha dichiarato: “No, non credo. Non sono pronto a tornare. Se dovessero chiedermelo di certo non disturberei i cinesi“. Sulla possibilità di acquistare il Napoli ha affermato: “Gli azzurri sono sempre stati nelle mie simpatie. C’è sempre stato antagonismo, nel tempo, ma non mi permetterei mai di inserirmi in una situazione del genere come la stanno vivendo ora“.

Infine una chiusura sul tecnico Gennaro Gattuso ed il team partenopeo: “Un presidente, quando deve valutare o meno un esonero, è sempre una cosa molto difficile. Sia dal punto di vista umano che quello professionale. Fino a qualche giorno fa si parlava di progetti, ora si discute di tutt’altro. Gattuso? Non conosco il suo rapporto con De Laurentiis. Umanamente Rino mi è simpatico. Il tutto dipende dal rapporto che c’è tra la squadra ed il suo mister”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *